Cosa vedere a San Francisco, la città sulla baia in California

Al momento stai visualizzando Cosa vedere a San Francisco, la città sulla baia in California
  • Categoria dell'articolo:California
  • Ultima modifica dell'articolo:2 Maggio 2024
  • Tempo di lettura:41 minuti di lettura
  • Commenti dell'articolo:0 commenti
Condividi:
0
(0)

San Francisco, la “città sulla baia”, è un concentrato di fascino e unicità che la rende una destinazione imperdibile per qualsiasi viaggiatore. Dalle iconiche colline scoscese percorse dai tram storici al Golden Gate Bridge, simbolo indiscusso della città, San Francisco offre un’incredibile varietà di cose da vedere.

Un’anima vibrante pervade ogni angolo di questa metropoli californiana, da sempre punto di riferimento per i diritti civili: dai quartieri multiculturali come Chinatown e Little Italy al fermento artistico di Haight-Ashbury, la città pulsa di vita e di energia. Musei di fama mondiale, come l’Exploratorium e il de Young Museum, affiancano meraviglie naturali come il Golden Gate Park e il Presidio Park, i polmoni verdi della cuttà.

Al largo della baia, lo storico penitenziario di Alcatraz ci riporta al passato più turbolento della città.

Perdersi tra i saliscendi, ammirare il panorama mozzafiato dal sulla baia, assaggiare il clam chowder in un ristorante al Fisherman’s Wharf, sono solo alcune delle esperienze che vi attendono nella città più europea d’America.

Dove si trova e come arrivare

San Francisco si trova nella California centrale, all’estremità di un istmo affacciato sull’Oceano Pacifico e sull’omonima Baia di San Francisco.

È servita da un grande aeroporto internazionale, situato poco a sud della città, sul quale operano tutte le maggiori compagnie americane ed europee. L’unica città italiana ad avere un volo diretto è Roma, grazie alla compagnia di bandiera ITA Airways, mentre da tutte le altre città sarà necessario fare almeno uno scalo.

Dall’aeroporto, potrete facilmente raggiungere la città, per la precisione Montgomery Station, utilizzando il treno espresso BART Rapid Rail. In alternativa, potete prendere un taxi, o affidarvi a Uber.

Per quanto riguarda l’orario, la California è sul fuso orario del Pacifico, 9 ore indietro rispetto all’Italia. L’ora legale inizia a metà marzo e finisce il primo weekend di novembre, c’è quindi una brevissima finestra temporale in cui le ore di differenza sono solo 8.

Come muoversi a San Francisco

Diversamente dalle altre città californiane, come Los Angeles e San Diego, San Francisco è da girare rigorosamente con i mezzi pubblici. I suoi continui saliscendi, la ripidità delle strade e degli incroci e la perenne scarsità di parcheggi rendono infatti estremamente scomodo l’uso dell’auto.

Fortunatamente, rispetto alle altre città californiane, a San Francisco la rete di trasporti pubblici è capillare ed efficiente: tram, autobus e metro leggera vi permetteranno di esplorare ogni angolo della Bay City.

Il modo più famoso, gettonato e simpatico per spostarsi tra un’attrazione e l’altra di San Francisco è il Cable Car, lo storico tram elettrico senza motore che è anche un simbolo della città. Inaugurato nel 1873, all’apice del suo successo contava ben 23 linee. Oggi ne rimangono attive solamente tre, che però sono utilizzate ogni anno da milioni di persone, sia turisti sia locali.

La corsa singola è molto costosa, 8,00$. Tuttavia, è possibile acquistare il Visitor Passport, un comodo abbonamento dei mezzi che include tutti i mezzi pubblici, incluso il cable car. Il prezzo di questo abbonamento è 13,00$ per un giorno e 31,00$ per tre giorni.

Quando andare

Nonostante la latitudine, e la posizione sull’Oceano Pacifico, il clima di San Francisco può definirsi di tipo mediterraneo, mitigato dalla presenza della baia.

  • Gli inverni sono miti e piuttosto piovosi, con temperature che difficilmente scendono sotto i 5°C.
  • Le mezze stagioni hanno un clima variabile, caratterizzato da una forte escursione termica.
  • Le estati sono piuttosto fresche, con temperature che non superano i 25°C, e frequenti nebbie che avvolgono tutta la baia ed il Golden Gate Bridge. Il mese più caldo è settembre.

Indipendentemente dalla stagione, consiglio di vestirsi “a cipolla”, ed avere sempre a portata di mano un k-way e una sciarpa.

Climaticamente parlando, non c’è uno specifico periodo migliore per visitare San Francisco, visto che non ci sono grosse variazioni da una stagione all’altra. Tendenzialmente, consiglio l’estate, che è l’ideale per visitare le altre loclaità della California e della costa ovest.

Dove dormire

Come tutte le grandi metropoli, anche San Francisco ha zone più sicure, e altre che i turisti farebbero bene ad evitare. Uno dei grandi problemi della città è rappresentato dai numerosi homeless, i senzatetto, che in alcuni casi possono essere fastidiosi.

Normalmente, rimanendo nelle zone più turistiche non si corrono rischi. Quando siete in giro per la città, utilizzate il normale buon senso, quindi niente gioielli appariscenti o attrezzatura tecnologica palesemente costosa. Tenete soldi e documenti nelle tasche interne, ed evitate di girare per le zone periferiche ed i parchi la sera.

Detto questo, le zone migliori e più sicure dove alloggiare a San Francisco sono quelle centrali, ovvero: Fisherman’s Wharf, Ferry Building, Union Square, Lombard Street, Nob Hill e Pacific Heights.

Questi sono, purtroppo, anche i quartieri più costosi. Per risparmiare qualche dollaro, puntate su Chinatown, Cow Hollow e Marina District, oppure sui quartieri etnici e alternativi di Castro e Haight-Ashbury.

Le zone da evitare, per l’alto tasso di criminalità, sono invece Tenderloin, Mission, SoMa (South of Market Street), Golden Gate Park di notte, e le zone periferiche.

Quanto tempo dedicare

San Francisco non è una delle mie città americane preferite, anzi. Devo però ammettere che le cose da vedere sono davvero tante, e che la città sulla baia esercita un fascino notevole sui turisti europei, che la trovano generalmente più affine alle città del vecchio continente.

Io vi consiglio una permanenza di minimo tre notti, così da avere a disposizione almeno due giorni pieni per esplorare la città.

In quali itinerari inserire san Francisco

Grazie al suo trafficato aeroporto, San Francisco è la base di partenza perfetta per il classico tour della costa ovest e dei parchi, l’itinerario migliore per chi visita gli Stati Uniti per la prima volta, nel quale si visitalo i grandi classici come Grand Canyon, Monument Valley, Las Vegas, Death Valley e Los Angeles.

Oppure, potete partire da San Francisco per esplorare il nord della California, l’Oregon e lo stato di Washington.

In ogni caso, io vi suggerisco di lasciare San Francisco come ultima tappa. In questo modo, potrete riconsegnare l’auto a noleggio al vostro arrivo in città, e poi muovervi comodamente con i mezzi. Non tenete l’auto a noleggio anche durante il soggiono a San Francisco, non vi servirà a nulla e sarà solo un costo extra.

Non consiglio, invece, di abbinare San Francisco alla visita dello Yellowstone o dei parchi dello Utah, perché sono troppo distanti. Anche i coast to coast da New York non sono una buona idea, a meno che non abbiate davvero tanto tempo a disposizione. Rischiereste infatti di passare la maggior parte del vostro tempo in macchina, senza vedere nulla.

City Card

San Francisco mette a disposizione alcune City card, comodissime per visitare le principali attrazioni risparmiando un po’ di dollari. Vediamo quali sono:

  • All Inclusive Pass, il classico pass con durata giornaliera. Ha una validità da 1 a 5 giorni, con prezzi da 89$ a 189$, ed include i musei, l’autobus hop-on hop-off e diversi tour guidati.
  • Explorer Pass, che offre le medesime attrazioni di cui sopra ma, anziché sceglierne la durata, potrete scegliere il numero di attrazioni. Questa card va bene per chi ha già un’idea precisa di cosa vedere, e desidera ottenere un piccolo sconto. Il pass costa 69,00$ per due attrazioni, e 129,00$ per cinque attrazioni.
  • Sightseeing Flex Pass, disponibile sia nella versione giornaliera sia nella versione per numero di attrazioni, con una scelta tra circa 30 monumenti e attività.
  • San Francisco City Pass, che garantisce un risparmio del 46% su quattro attrazioni top di San Francisco. Con un costo di 84,52€, potrete visitare il California Academy of Sciences e fare una crociera sulla baia. Poi, potrete scegliere altre due attrazioni tra l’Acquario, l’Exploratorium, lo Zoo, il Museo di Arte Moderna e il Walt Disney Family Museum.

Storia di San Francisco

La storia di San Francisco iniziò nel 1776 con la fondazione del “Presidio de San Francisco”, un presidio militare spagnolo situato sulla punta di una penisola a nord della baia di San Francisco. Il presidio era nato per proteggere l’area dalle incursioni russe e inglesi. Attorno al presidio si sviluppò un piccolo villaggio chiamato Yerba Buena, che contava poche decine di abitanti.

La svolta per San Francisco arrivò nel 1848 con la scoperta dell’oro in California. La notizia si diffuse rapidamente e innescò una massiccia migrazione verso la regione, conosciuta come la corsa all’oro. In pochi anni, la popolazione di San Francisco esplose e la città si sviluppò rapidamente, con la costruzione di nuovi edifici, strade e infrastrutture. Nacquero in questo periodo alcuni dei quartieri più iconici di San Francisco, come Chinatown, Barbary Coast e Nob Hill.

Nel 1851 un incendio distrusse gran parte della città, ma la disgrazia più grande arrivò nel 1906 con un terremoto di magnitudo 7.9 e un incendio successivo che durò tre giorni. Il terremoto distrusse gran parte della città, lasciando circa 250.000 persone senza casa. La città si rialzò dalle ceneri con una tenacia ammirevole, ricostruendo non solo gli edifici distrutti, ma anche migliorando l’urbanistica e le infrastrutture.

Nel XX secolo, San Francisco divenne un centro di fermento culturale e politico. Negli anni ’60, la città fu uno dei focolai del movimento per i diritti civili e della Summer of Love, un evento che celebrò la pace, l’amore e la libertà.

Oggi, San Francisco è una città moderna e cosmopolita, con una cultura innovativa, attenta all’ambiente e al rispetto delle persone. La città è un importante centro finanziario, informatico e biomedico, e ospita alcune delle più grandi aziende del mondo.

Cosa vedere a San Francisco

Union Square

Cominciamo la lista delle cose da vedree a San Francisco da Union Square, la piazza principale della città. In realtà, sappiamo che le metropoli americane non hanno un vero e proprio centro, come lo intendiamo noi europei, ma sicuramente Union Square rappresenta iuno dei maggiori luoghi di incontro di Frisco.

Costruita nel 1850, deve il nome alle numerose manifestazioni di supporto all’esercito nordista, durante la Guerra di Secessione.

Circondata da imponenti grattacieli e lussuosi hotel, Union Square è un vero e proprio paradiso per gli amanti dello shopping, con le boutique di alta moda di Maiden Lay, grandi magazzini come Macy’s e il Westfield San Francisco Center, oltre a negozi di souvenir, ristoranti e teatri.

Museum of Modern Art

Conosciuto come SFMOMA, il Museo di Arte Moderna di San Francisco vanta una collezione di oltre 26.000 pezzi tra dipinti, sculture e fotografie.

Oltre alla collezione permanente, il SFMOMA organizza mostre temporanee dedicate ad artisti e movimenti artistici di tutto il mondo. Le mostre sono spesso interattive e coinvolgenti, e offrono ai visitatori l’opportunità di approfondire la loro conoscenza dell’arte moderna e contemporanea.

Spesso inoltre, le opere vengono date in prestito o trasferite, quindi la collezione cambia in continuazione. Gli artisti più presenti nel museo sono Andy Warhol, Pablo Picasso, Henri Matisse, Jackson Pollock, Jeff Koons, Mark Rothko e Frida Kahlo. Indipendentemente dal momento della vostra visita, dovreste trovare dei pezzi di questi importanti pittori.

Il museo è aperto dalle 10.00 alle 17.00 dal venerdì al martedì, e dalle 12.00 alle 20.00 il giovedì. Il giorno di chiusura è il mercoledì. Il biglietto costa 30,00$ intero e 23,00$ ridotto.

Chinatown

La Chinatown di San Francisco è la più antica e grande del Nord America, nonché la seconda più grande al di fuori dell’Asia. Fondata nel 1848, rappresenta un’enclave vibrante e ricca di storia, dove si respira l’autentica atmosfera della Cina.

Varcando la iconica Dragon’s Gate su Grant Avenue, si viene catapultati in un mondo di vicoli pittoreschi, lanterne rosse ciondolanti e insegne al neon. Il quartiere brulica di attività, con negozi che vendono di tutto, dai souvenir alle spezie esotiche, dai vestiti di seta alle erbe medicinali. Passeggiando per il quartiere, ci si può imbattere in artisti di strada che eseguono danze del drago o suonano musica tradizionale.

I ristoranti di Chinatown offrono un’ampia varietà di specialità, dai dim sum ai piatti di noodle, dalle anatre arrosto al pesce fresco, un’occasione per provare la vera cucina cinese.

Ecco cosa vedere a Chinatown:

  • Tempio di Tin How, il più antico tempio taoista di San Francisco, dedicato alla dea del mare.
  • Portsmouth Square, un parco storico con vista sulla Transamerica Pyramid, simbolo finanziario di San Francisco. In quetso parco potrete imbattervi in persone che praticano Tai Chi o anziani che giocano alla dama cinese.
  • Chinese Historical Society of America Museum, un museo dedicato alla storia e alla cultura cinese in America.
  • Buddha’s Universal Church, il tempio buddhista più grande degli Stati Uniti. Da fuori sembra un anonimo palazzo moderno, ma al suo interno si trovano mosaici e immagini dorate del Buddha.
  • Fabbrica dei Biscotti della Fortuna, al 56 di Ross Alley.

Ferry Building

Situato sul lungomare di San Francisco, il Ferry Building è un edificio storico e iconico che vanta una suggestiva architettura in stile Beaux-Arts, con la sua facciata in granito, le ampie finestre a sesto acuto e l’imponente torre dell’orologio.

Costruito nel 1898, il Ferry Building era un tempo il principale snodo di trasporto marittimo di San Francisco. In seguito al declino del servizio di traghetti, l’edificio ha subito un accurato restauro che lo ha riportato al suo antico splendore, trasformandolo in un centro commerciale e gastronomico di eccellenza, che ospita alcuni dei miliori ristoranti della città.

Ogni martedì, giovedì e sabato mattina, il Ferry Building ospita il Farmers Market, un vivace mercato contadino dove è possibile acquistare prodotti freschi e di stagione provenienti da tutta la California.

Coit Tower

Sulla cima di Telegraph Hill, svetta la Coit Tower, una torre bianca in cememnto armato alta 64 metri, che delinea lo skyline di San Francisco. Costruita tra il 1933 e il 1938 in stile Art Deco, la torre è un omaggio ai vigili del fuoco della città e alla loro eroica dedizione.

Prende il nome da Lillie Hitchcock Coit, una ricca ereditiera che lasciò in eredità una parte del suo patrimonio per la costruzione di un monumento in onore dei vigili del fuoco, che si distinsero per il loro valore durante il terremoto e l’incendio del 1906.

La base della torre è decorata con murales realizzati da artisti locali, che raffigurano scene di vita quotidiana durante la Grande Depressione, la crisi del ’29 e altre tematiche sociali.

Dalla sua terrazza si gode di un panorama strepitoso sul centro di san Francisco, l’isola di Alcatraz e il Golden gate Bridge.

La torre è aperta tutti i giorni, dalle 10.00 alle 17.00 da novembre a marzo e fino alle 18.00 da aprile a ottobre. Il bigliatto costa 10,00$ intero e 7,00$ ridotto. Gli unici giorni di chiusura sono il Ringraziamento, Natale e Capodanno.

Exploratorium

Exploratorium di San Francisco è un museo interattivo di scienza, fondato nel 1969 dal fisico Frank Oppenheimer.

Se viaggiate con bambini, questa è una delle prime cose che dovreste vedere a San Francisco.

Exploratorium si distingue dai musei tradizionali per il suo approccio interattivo e giocoso alla scienza. I visitatori sono invitati a toccare, sperimentare e scoprire i principi scientifici attraverso oltre 600 exhibit tematiche.

Tra le cose che potrete fare ci sono: costruire ponti, immergersi in una nebbia artificiale, creare vortici d’acqua, mettersi alla prova con le illusioni ottiche, esplorare una stanza sono con il tatto, partecipare a labortaori di chimica e molto altro.

Lombard Street

Situata nel quartiere di Russian Hill, Lombard Street è conosciuta come la “strada più tortuosa del mondo“.

Fu costruita nel 1850 come una strada privata per facilitare l’accesso alle abitazioni situate sulla collina. La sua tortuosità fu progettata per rendere la pendenza meno ripida e più accessibile ai cavalli e alle carrozze. Nel corso degli anni, la strada è diventata un’attrazione turistica sempre più popolare, attirando visitatori da tutto il mondo.

Si snoda per circa 400 metri con una serie di curve a gomito e tornanti, fiancheggiata da aiuole fiorite e piante.

Percorrerla in auto può essere un’esperienza divertente, ma ve lo sconsiglio, perché è davvero ripida e perché è perennemente assediata dai turisti.

The Painted Ladies

Le Painted Ladies sono un gruppo di sette case vittoriane a fila situate nel quartiere di Alamo Square.

Caratterizzate da colori pastello vivaci e da una architettura di stile “Queen Anne”, queste case sono diventate uno dei simboli più iconici della città.

Costruite tra il 1880 e il 1890, le Painted Ladies rappresentano un esempio di architettura stile “Queen Anne” perfettamente conservata, essendo sopravvissute anche al terrmoto del 1906. Le loro facciate colorate, i tetti a mansarda e le balaustre in ferro battuto creano un’immagine di bellezza senza tempo, uno spot fotografico perfetto per i vostri profli social.

Fisherman’s Wharf

All’estremità settentrionale di San Francisco, Fisherman’s Wharf è l’antico quartiere dei pescatori, oggi uno dei luoghi più iconici della città. Il molo era un brulicare di attività, con pescatori che scaricavano il loro bottino giornaliero e venditori che offrivano pesce fresco al mercato.

Oggi è principalmente un’attrazione turistica, una zona ricca di musei, ristoranti, negozi di souvenir e cose da fare e vedere:

  • Pier 39, il molo commerciale famoso per la colonia di rumorosi leoni marini che si crogiolano pigramente sotto il sole della baia. Qui si trovano una varietà di attrazioni iper-turistiche, come il labirito degli specchi, le scale musicali, la classica giostra carosello e un’infinità di negozi bizzarri.
  • Aquarium Of The Bay, con oltre 20.000 creature marine provenienti dai sette habitat della baia di san Francisco. Passeggiate nel suo tunnel lungo 90 metri, circondati da squali, razze e meduse, per un’esperienza unica e coinvolgente, soprattutto per i bambini.
  • Ghirardelli Square, sede dell’omonima fabbrica di cioccolato, fondata nel 1893 dal ligure Domenico Ghirardelli.
  • il museo delle cere di Madame Tussauds, il museo marittimo di San Francisco e il museo delle illusioni.
  • il sottomarino USS Pampanito, che fu utilizzato durante la Seconda Guerra Mondiale contro il Giappone. È ancorato al molo 45, ed è visitabile all’interno.

In tutto il quartiere si susseguono ristoranti che propongono specialità di pesce fresco, piatti tipici californiani e cucina internazionale. Da non perdere il famoso cioppino, un ricco stufato di pesce originario di San Francisco; la zuppa di vingole clam chowder, servita nel pane, e i granchi Dungeness cotti al vapore.

Da qui potrete inoltre imbarcarvi per la visita di Alcatraz e per le corciere nella baia.

Alcatraz

Tra le cose da vedere a San Francisco non può certo mancare Alcatraz, il penitenziario più famoso al mondo, simbolo di impenetrabilità e protagonista di innumerevoli film.

Il carcere, oggi non più in attività, fu costruito su un’isola al largo della baia di San Francisco. La sua posizione,e soprattutto le correnti contarstati che la circondano, resero Alcatraz una delle carceri da cui era più difficile scappare. Nonostante questo, i tentativi di fuga furono numerosi, ed alcuni entrarono nella storia e nell’immaginario popolare.

Alcatraz fu attiva dal 1934 al 1963. Per gli altissimi costi di manutenzione, Alcatraz fu riservata esclusivamente ai criminali più pericolosi, com Al Capone, Robert Stroud e Frank Morris.

Durante il tour, è possibile visitare le celle dei detenuti, la mensa, la biblioteca e il cortile dove i prigionieri trascorrevano la loro ora d’aria, con una struggente vista su San Francisco e sulla vita che si stavano perdendo.

Passeggiando per i corridoi del carcere, è possibile immaginare la vita dei detenuti e la dura realtà della prigionia. Alcatraz era infatti un carcere di massima sicurezza, e le condizioni di detenzione erano particolarmente dure e restrittive.

Per visitare Alcatraz, dovrete acquistare il biglietto combinato traghetto + penitenziario. Data l’alta affluenza, vi consiglio di prenotare con largo anticipo. Dovrete selezionare l’orario in cui desiserate imbarcarvi per l’isola, dopodiché potrete rientrare quando preferite (qui trovate gli orari aggiornati dei traghetti). Considerate almeno 2-3 ore per visitare il carcere e l’isola.

Golden Gate Bridge

Tra le cose da vedere a San Francisco non può ovviamente mancare il Golden Gate Bridge, simbolo della città e della California.

Con i suoi 2,7 chilometri di lunghezza e un’altezza di 227 metri, all’epoca della sua inaugurazione nel 1937 era il ponte sospeso più lungo del mondo, primato che mantenne fino alla costruzione del ponte Verrazzano a New York. La sua realizzazione, durata diversi anni, fu purtroppo segnata dalla tragica perdita di 11 operai. Un bilancio che sarebbe potuto essere ben più grave se non fosse stato per l’intuizione dell’ingegnere Strauss, che dispose l’installazione di una rete di sicurezza, una delle prime al mondo.

Considerato uno dei ponti più belli del pianeta, il Golden Gate Bridge si distingue per la sua struttura imponente, le torri maestose e il caratteristico colore rosso-arancio, denominato “international orange“. Al fascino estetico si aggiunge il valore ingegneristico: la sua costruzione ha rappresentato una sfida non da poco, data la presenza di forti correnti marine, venti impetuosi e la frequente attività sismica della zona.

Ogni giorno, migliaia di persone attraversano il ponte, ammirando la bellezza del panorama circostante. Sconsiglio vivamente di farlo in auto, anche per il pedaggio da pagare. L’ideale è raggiungerlo a piedi, utilizzando gli autobus numero 28 da Fisherman’s Wharf o il 30 da Union Square.

Passeggiando nel parco di Presidio, avrete la possibilità di scattare foto mozzafiato, in particolare da Crissy Field, Fort Point e Baker Beach. Attraversando il ponte a piedi o in bicicletta, si giunge a Sausalito, soprannominata la “Portofino d’America”. Dal parco di Kirby Cove si possono immortalare scorci davvero suggestivi. L’unica incognita è il meteo, dato che la baia di San Francisco è spesso soggetta a nebbia.

Presidio of San Francisco

Prima della nascita di San Francisco, nella zona settentrionale sorgeva il Presidio, un fortino militare spagnolo costruito nel 1776.

A lungo utilizzato come base militare, nel 1994 il Presidio è stato convertito in un parco nazionale di oltre 600 ettari. Il parco vanta una varietà di paesaggi mozzafiato, tra cui scogliere a picco, spiagge sabbiose, boschetti e punti panoramici sulla baia e sul Golden Gate Bridge. Il Presidio offre inoltre numerose attività per i visitatori, tra cui 12 sentieri escursionistici, piste ciclabili, musei, gallerie d’arte e ristoranti.

Cosa vedere nel parco del Presidio:

  • Main Post: il centro storico del Presidio, dove si possono ammirare edifici militari restaurati e musei come il Presidio Museum e il San Francisco National Cemetery.
  • Battery East: un’ex batteria militare con vista panoramica sulla baia di San Francisco. Un luogo ideale per un picnic o per ammirare il tramonto.
  • Fort Point National Historic Site: il sito in cui sorgeva il faro che guidava le navi attraverso il Golden Gate per oltre 100 anni. È possibile esplorare il forte e conoscere la storia del Golden Gate.
  • Crissy Field: un’ampia spiaggia con vista sul Golden Gate Bridge. Un luogo perfetto per un picnic, una passeggiata o per praticare kite surf.
  • Walt Disney Family Museum: un museo dedicato alla vita e all’opera di Walt Disney.
  • Lover’s Lane: un sentiero panoramico che si snoda attraverso un boschetto di cipressi.
  • Sede della Lucasfilm e fontana di Yoda: un paradiso per gli amanti di Star Wars.

Golden Gate Park

Il Golden Gate Park di San Francisco è uno dei parchi urbani più grandi del mondo, con una superficie di oltre 400 ettari. Situato nel cuore della città, il parco offre un’oasi verde di pace e tranquillità, lontano dal caos della metropoli.

Molto più di un semplice parco, il Golden Gate Park offre un gran numero di attività e cose da vedere, al punto che potreste passarci un’intera giornata (attenzione, alcune delle attrazioni citate sono a pagamento):

  • California Academy of Sciences, un museo di storia naturale con il caratteristico tetto in erba. Al suo interno si trovano un panetario, uno zoo e un acquario, quindi è l’attrazione perfetta per le famiglie con bambini.
  • Museum de Young, una galleria d’arte che ospita una collezione di arte americana, africana e del Pacifico.
  • Conservatory of Flowers, un’antica serra in legno che ospita oltre 2000 varietà di piante provenienti da tutto il mondo.
  • Japanese Tea Garden, una delle attrazioni più popolari del parco. In questo giardino di ispirazione giapponese potrete passeggiare tra pagode, laghetti artificiali e una suggestiva sala da tè.
  • Rose Garden, un giardino con oltre 7.000 rose di diverse varietà.
  • Stow Lake, un laghetto con cascate artificiali.
  • Dutch Windmill, due autentici mulini a vento olandesi di inizio ‘900.

Vuoi saperne di più?

Se hai ancora dubbi e curiosità, scrivimi o lascia un commento qui sotto, e sarò felice di risponderti il prima possibile!

Questo post è stato utile? Vota!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo!

Siamo contenti che il post sia stato utile!

seguici sulla pagina Facebook!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Lascia un commento