Cosa mangiare a Barcellona, 10 piatti tipici da non perdere

Al momento stai visualizzando Cosa mangiare a Barcellona, 10 piatti tipici da non perdere
  • Categoria dell'articolo:Barcellona
  • Ultima modifica dell'articolo:8 Aprile 2022
  • Tempo di lettura:15 minuti di lettura
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
Condividi:
4
(3)

La Spagna ha una cucina tradizionale mediterranea, dai sapori e aromi affini ai nostri. Mangiare bene a Barcellona è quindi molto semplice, ma è bene sapere anche cosa mangiare, quali sono i piatti tipici della cucina locale.

A farla da padrona sulle tavole catalane sono il riso, l’olio d’oliva e il pomodoro, il pesce fresco cucinato in diversi modi, ma anche la saporita carne di maiale. E poi abbiamo la paella, che però, è bene ricordarlo, non è propriamente un piatto catalano, bensì valenziano.

Con quasi 10.000 ristoranti, Barcellona ha qualcosa per tutti, dovrete solo fare attenzione a non finire in una delle classiche “trappole per turisti”, dove servono cibo precotto e di scarsa qualità.

Partiamo allora per un viaggio gastronomico in una delle città più vivaci di Spagna, scoprendo i piatti della tradizione, e i migliori posti dove assaggiarli.

Tapas

Prima tra le cose da mangiare a Barcellona, le tapas incarnano l’essenza stessa dello spirito spagnolo, l’idea della condivisione, dello stare in compagnia godendosi del buon cibo, senza troppe formalità.

La parola tapas deriva dal verbo tapar, che significa “coprire”. In origine, infatti, stava ad indicare il piattino con il quale si copriva la bottiglia di sherry, per evitare che vi entrassero le mosche. I ristoratori erano soliti riempire questi piattini con un po’ di pane o carne salata, per accompagnare il vino e incrementare i consumi.

Oggi, le tapas sono servite praticamente in tutti i locali di Barcellona e della Spagna, e sono una vera e propria istituzione. Non è raro vedere gruppi di giovani che fanno il giro di vari locali, assaggiando le tapas e bevendo vino in ognuno di essi, un’usanza definita tapeo, o ir de tapas.

Non pensate, però, al solito aperitivo a base di pane e salame. Le tapas sono dei piatti in miniatura, che spaziano dalla pasta al riso, dalla carne al pesce, vegetariane, fino alle tapas dolci. Pur essendo considerate un antipasto, in alcuni locali sono così abbondanti, da rappresentare una cena completa.

Tra le più popolari ci sono:

  • patatas bravas, patate al forno condite con maionese e salsa piccante.
  • pinchito, uno spiedino di carne
  • bombas, una polpetta di patate e carne.
  • pescaito frito, pesciolini fritti.
  • calçots, un cipollotto morbido cotto in padella.
  • chistorra, una salsiccia di maiale.
  • polpo e calamari in varie versioni.
  • jamon serrano, il prosciutto crudo.
  • albondigas, le polpette, che possono essere di qualsiasi carne, e cotte in modi diversi.

Pan amb Tomaquet

Questo patto rientra negli antipasti, ma spesso è annoverato tra le tapas, o ancora come accompagnamento.

Si tratta di una variante della nostra bruschetta, quindi pane abbrustolito, strofinato con aglio e ricoperto di pomodoro, olio e sale. La differenza è che il pomodoro non è tagliato a pezzettoni, bensì più liquido, come una purea o una salsa. Il liquido va ad impregnare il pane, che risulta quindi morbido.

Potete gustarlo da solo, o accompagnato da jamon serrano e formaggi.

Paella

Come già detto, la paella non è un piatto tipico né di Barcellona, né della Catalogna. Però, come si fa a fare un viaggio in Spagna, e non mangiarla? Sarebbe come se uno straniero andasse aa Roma, e non mangiasse la pizza.

La paella nasce a Valencia, e il suo nome deriva dalla padella a due manici nella quale viene cotta e servita. In origine era un piatto povero, preparato dalla servitù con gli avanzi dei banchetti dei nobili. La versione tradizionale, o alla valenciana, è a base di carne di coniglio e di pollo, con l’aggiunta di verdure.

Oggi, la paella spopola in tantissime versioni diverse: di carne, di pesce (de marisco), mista, vegetariana, con costine, al nero di seppia, e chi più ne ha più ne metta. Non esiste ristorante di Barcellona che non la proponga, occhio quindi a scegliere bene dove mangiarla.

In alternativa, provate la fideuà, un altro piatto di origine valenziana. E’ molto simile alla paella, ma si prepara con degli spaghettini corti chiamati fideos, ed è guarnita con pesce fresco.

cosa mangiare a Tenerife, paella

Arroz negre

Ad una prima occhiata, l’arroz negre potrebbe sembrare semplicemente una paella nera. In realtà, gli ingredienti , il tipo di riso e la preparazione sono leggermente diversi. Secondo la ricetta originale, l’arroz negre si prepara solo con nero di seppia e calamari, ed il risultato è più simile a un risotto all’onda, più cremoso e meno croccante rispetto alla paella.

Purtroppo, è difficile trovare il vero arroz negre. Come spesso accade ai piatti più famosi, anche questo è diventato più commerciale, declinato in varie versioni per incontrare il gusto dei turisti. Spesso, i ristoranti turistici usano questo termine per indicare la paella al nero di seppia.

Butifarra

Parliamo ora di una pietanza decisamente poco adatta alla dieta: la butifarra, cioè una salsiccia di maiale speziata.

Anche questo piatto deriva dalla tradizione contadina, utilizza infatti ingredienti poveri ma saporiti. La carne può essere bianca, o più simile a un sanguinaccio, e solitamente si gusta amb mongetes, ovvero con fagioli bianchi.

la si trova però anche cruda, alla griglia, o nella più raffinata versione con il tartufo. Molti tapas bar la servono in un bocadillo, ovvero un piccolo panino.

Baccalà alla catalana

Il baccalà è molto usato nella cucina catalana, e sicuramente è tra le cose da mangiare a Barcellona almeno una volta. Tra i tanti piatti che troverete, come polpette e fritti vari, la versione più tradizionale è proprio il baccalà alla catalana.

In questa particolarissima ricetta, il baccalà viene tagliato in tranci e fritto, poi cotto in una salsina agrodolce a base di pomodori, uvetta, pinoli e cognac. Un gusto insolito che piò piacere o no, ma di sicuro non lascia indifferenti.

Esqueixada de bacallà

Un’altra ricetta molto popolare a base di baccalà è l’impronunciabile esqueixada, una fresca insalata perfetta per le giornate più calde. Il baccalà non è cotto, bensì solo ammollato e sfilaccato con le mani, poi mescolato a cipolla rossa, peperoni, pomodori e olive nere.

Se il sapore vi sembra troppo deciso, provatelo nella più piccola versione tapas, magari da condividere.

Crema catalana

Passiamo ora ai dolci. Una cosa che proprio dovete mangiare a Barcellona, visto che è il suo dolce tipico, è la crema catalana.

Secondo la leggenda, fu inventata da alcune monache, che, in occasione di una visita del vescovo, ebbero l’idea di aggiungere dello zucchero caramellato daldo al classico budino al latte.

Si tratta di una morbidissima crema a base di tuorli d’uovo, latte e zucchero, cotta sul fuoco e insaporita con limone, arancia e cannella. Infine, viene cosparsa di zucchero, caramellato con la fiamma ossidrica o sotto il grill del forno. Il risultato è un sorprendente contrasto tra croccante e vellutato. Davvero imperdibile!

Cosa mangiare a Barcellona, crema catalana
Crema Catalana

Churros y chocolate

Piatto tipico di tutta la Spagna, e soprattutto di Madrid, i churros con la cioccolata calda si trovano ovunque anche a Barcellona.

I churros sono delle paste fritte cosparse di zucchero, dalla forma allungata e trafilata. Si mangiano a colazione o a merenda, anche se, visto l’apporto calorico, sono un vero e proprio pasto.

Li potrete assaggiare anche da soli, acquistandoli presso le bancarelle, ma la tradizione vuole che siano intinti in una bella tazza di densa cioccolata fumante. Nelle pasticcerie troverete poi anche i churros ripieni, una vera bomba calorica. Più grandi del solito, sono farciti con golosissime creme, tra cui la gettonatissima salsa al caramello.

Occhio a non esagerare, creano dipendenza!

cosa mangiare a Barcellona, churros con cioccolata

Cocas de San Juan

Le cocas sono un pane tradizionale catalano, che in origine si preparava per la festa di San Giovanni, il 24 giugno. Oggi, naturalmente, si trovano tutto l’anno.

L’impasto è simile a quello di una focaccia, ed esiste in versione dolce e salata. Anche la forma può variare. Può essere a ciambella, rettangolare come una pizza al trancio, oppure ripiena. Nella versione dolce, è guarnita solitamente con frutta candita, zucchero, e pinoli, oppure ripiena di crema. La versione salata assomiglia più a una pizza, e di solito è condita con verdure grigliate.

Dove mangiare a Barcellona

Come districarsi tra gli innumerevoli ristoranti di Barcellona? La cosa migliore è consultare sia i siti di recensioni, sia i siti dedicati esclusivamente a Barcellona. Io ho raccolto un po’ di informazioni online, per proporvi una lista dei locali più popolari. Tenete presente, però, di persona ne ho testati solo alcuni.

Tapas Bar

Cominciamo dai posti più apprezzati per le tapas.

Al primo posto, come facilmente immaginabile, metto il Mercato della Boqueria, sulla Rambla. Vi troverete qualsiasi cosa: fritti di pesce, polpette, panini al jamon serrano, bombas, cocas dolci e salate, pizza, empanadas argentine… Impossibile uscirne a stomaco vuoto.

L’altro tapas bar che ho testato è il Bar Jai-Ca, nel quartiere Barceloneta. E’ un locale piccolo e senza fronzoli, che serve tapas super abbondanti e saporite, ad un prezzo ragionevole. Ottime le polpette, i gamberoni all’aglio, e le patatas bravas. Sempre a Barceloneta, da non perdere la Champagneria Can Paixano, dove gustare ottimi bocadillos accompagnati da un bicchiere di vino spumante.

Altri posti molto famosi sono Bodega Biarritz, nel Barrio Gotico , El Xampanyet e Bormuth nel Born, Bar Xapacò e Cerveceria Catalana nel quartiere Eixample, Quimet & Quimet a Montjuic, e Casa Alfonso, a due passi da Plaça de Catalunya.

Ristoranti

In questa sezione, vi propongo alcuni ristoranti tipici. Tutti propongono paella, pesce e carne, anche se ognuno ha le proprie specialità.

Io ho cenato da Guell Tapas, a breve distanza dalla Rambla. Servono tapas e paella in varie versioni, oltre ad un’ottima sagria e crema catalana. La paella è indicata per una persona, ma io vi consiglio di dividervi qualche stuzzichino, e poi prendere una paella per due.

In pieno centro storico, nel quartiere medievale Barrio Gotico, il ristorante Els Quatre Gats propone cucina catalana tradizionale, quindi baccalà, polpo, fideuà e arroz negre, oltre naturalmente alla paella. Il ristorante Louro propone invece cucina tipica galiziana, compreso il famoso pulpo a la gallega.

Se vi piace il pesce, provate Can Culleretes, nel Barrio Gotico, La Cova Fumada a Barceloneta, o ancora la catena La Paradeta, con diverse sedi sparse per la città. Il Xiringuito Escribà, è invece un po’ distante dal centro, ma in splendida posizione direttamente sulla spiaggia.

Chi volesse avere una scelta più ampia, penso magari a chi viaggia con bambini, può provare Bodega Joan, nel quartiere Eixample. Hanno un menù molto vario che spazia dalle ricette tradizionali fino a pizza e hamburger, per accontentare proprio tutti.

Dolci e pasticcerie

Nella maggior parte dei ristoranti potrete ordinare la crema catalana come dessert, ma se vi venisse voglia a metà pomeriggio? In questo caso, suggerisco la storica Pastisseria Escribà, sulla Rambla a due passi dal Mercato della Boqueria.

Per provare la tipica merenda spagnola, i churros con la ciccolata calda, consiglio invece la Antigua Xurreria Sagrada Família, a due passi dalla celebre Basilica di Gaudì.

E per assaggiare le famose cocas? Oltre alla Boqueria, le troverete in tutti i panifici. In particolare, recatevi a una delle sedi della Forneria Turris, dove le troverete sia dolci sia salate, oppure alla Pastisseria la Colmena, un negozio storico dietro Plaça dei Rei.

Vuoi saperne di più?

Se hai ancora dubbi e curiosità, scrivimi o lascia un commento qui sotto, e sarò felice di risponderti il prima possibile!

Questo post è stato utile? Vota!

Average rating 4 / 5. Vote count: 3

Vota per primo!

Siamo contenti che il post sia stato utile!

seguici sulla pagina Facebook!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Lascia un commento