Ponte nel Cielo in Valtellina, il ponte tibetano più alto d’Europa

You are currently viewing Ponte nel Cielo in Valtellina, il ponte tibetano più alto d’Europa
  • Categoria dell'articolo:Valtellina
  • Ultima modifica dell'articolo:13 Aprile 2021
  • Tempo di lettura:4 mins read
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
Condividi:
0
(0)

Da qualche anno, la già bellissima Valtellina ha un’attrazione in più, ad arricchire ulteriormente il suo patrimonio naturalistico e culturale. E’ il Ponte nel Cielo, un ponte tibetano che collega i due versanti della Val Tartano.

Questa vertiginosa passerella a picco sulla valle, circondata da sentieri di trekking, è perfetta per una gita domenicale nella natura, con un pizzico di avventura e brivido.

Storia del ponte

Il ponte è costituito da 700 assi di legno, è lungo 234 metri e sospeso a 140 metri sopra il torrente Tartano. Questi numeri ne fanno il ponte tibetano più alto d’Europa.

Il progetto,realizzato dal Consorzio Püstarèsc, è nato nel 2016, e si è concluso nel 2018, con lo scopo specifico di promuovere il turismo nella regione e allo stesso tempo facilitare l’accesso all’area montana di Frasnino.

L’imbocco, a Campo Tartano, è a 1034 metri di quota, l’arrivo è a 1038 metri.

Piccola curiosità: con una donazione di 100€ è possibile “adottare” una delle assi che compongono la passerella. In ringraziamento per la donazione, l’accesso sarà gratuito per i 5 anni successivi.

Come arrivare e info pratiche

Per raggiungere il Ponte nel Cielo, prendete la statale SS38, che collega il Lago di Como e Sondrio, attraverso la Valtellina. Ad Ardenno, passate sulla sponda sud dell’Adda lungo la provinciale SP16, e risalite i 12 tornanti della SP11.

Al termine di questa salita da capogiro, sarete a Campo Tartano. Il ponte tibetano è l’attrazione principale, e lo vedrete già dalla strada. Ci sono numerosi parcheggi, a pagamento e gratuiti. Noi abbiamo lasciato l’auto nei pressi del ristorante Highlander, e siamo poi scesi a piedi fino al ponte.

la strada che conduce al ponte

Il costo del biglietto è 5€, e la prenotazione online è fortemente consigliata. La biglietteria si trova all’inizio del ponte, al termine della strada pedonale che costeggia la valle.

Il ponte è aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 16.30, il sabato fino al tramonto. Ultimo accesso 15 minuti prima della chiusura. Il biglietto consente un passaggio solo (andata e ritorno), ma senza limiti di orario, se non quelli di apertura del ponte.

Visita del Ponte nel Cielo

La visita del Ponte nel Cielo in Valtellina è in realtà molto breve. Bastano 5-10 minuti per attraversare il ponte, dipende da quanta gente c’è e quante volte ci si ferma a fare foto.

Il panorama è straordinario, dalle vette delle Alpi Retiche alla vallata del torrente Tartano e alla bassa Valtellina, che si estende ad ovest fino all’inizio del lago di Como. Sul lato orientale lato, sotto i vostri piedi vedrete la diga di Colombera, mentre oltre la fine del ponte si trova il maggengo (pascolo) Frasnino.

Una volta arrivati dall’altra parte, potete fermarvi al bivacco per mangiare e bere qualcosa, ma anche partire per un’escursione tra i sentieri che si diramano da qui. Il più famoso è senza dubbio il Sentiero dei Ponti, un percorso ad anello di 9 km, con un dislivello di circa 450 metri, che attraversa i boschi e altri ponti “minori”.

Un altro percorso, più impegnativo, è il 163 o “Sentiero Alfredo“, che passando tra boschi e alpeggi conduce fino alla terrazza panoramica di Pizzo della Pruna, a 1800 metri di altitudine.

Cosa fare nei dintorni

La Valtellina è piena di attrazioni per tutte le stagioni. In inverno potrete sciare in una delle numerose stazioni sciistiche, le più famose delle quali sono Aprica e Chiesa in Valmalenco.

Con la bella stagione, le possibilità di passeggiare in montagna si sprecano. Visitate le vicinissime Val Masino e Val di Mello, la “piccola Yosemite”. L’impegnativo sentiero di 5 km a tratta che parte da San Martino vi porterà fino all’Alpe Pioda, al 1559 metri, tra massi granitici e suggestive cascate.

Poco più a sud, addentratevi nel Sentiero dei Ciclopi per scoprire alcune enormi formazioni rocciose, tra cui il Sasso Remenno, il più grosso monolito d’Europa.

Se preferite i panorami lacustri, spostatevi sul Lago di Como nella città di Colico. Oltre al bel centro storico e i panorami incantevoli sul lago, qui potrete visitare anche i due forti difensivi che dominano il Pian di Spagna. Il Forte di Fuentes è del ‘600, mentre il Forte Montecchio Nord è più recente, del primo ‘900. Costruito all’inizio della I Guerra Mondiale per proteggere la Lombardia da eventuali attacchi austriaci, è famoso per i cannoni modello Schneider, che potrete ammirare ancora oggi.


Vuoi saperne di più?

Se hai ancora dubbi e curiosità, scrivimi o lascia un commento qui sotto, e sarò felice di risponderti il prima possibile!

Questo post è stato utile? Vota!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo!

Siamo contenti che il post sia stato utile!

seguici sulla pagina Facebook!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Lascia un commento