Hit Parade: i miei 5 parchi americani preferiti

Hit Parade: i miei 5 parchi americani preferiti

0
(0)

5. Volcanoes National Park, Hawaii

Nell’immaginario collettivo, le Hawaii sono soprattutto mare, palme e surf. La realtà è che sono tutte isole vulcaniche, formatesi nelle ere geologiche grazie alle continue eruzioni della faglia sottostante.

Sarebbe davvero un peccato limitarsi alla spiaggia, e non esplorare zone diverse, dalle fitte giungle tropicali allo spettrale Volcanoes National Park.

Si trova sull’isola di Hawaii, chiamata anche Big Island. E’ l’isola più grande dell’arcipelago, ed in continua espansione grazie al Vulcano Kilauea, che erutta ininterrottamente dal 1983.

Il Volcanoes National Park sorge proprio in corrispondenza del Kilauea, nella parte orientale dell’isola.

Perché lo amo? Perché è simbolo di morte e di rinascita. Le piantine si fanno strada tra le spaccature della lava. Il vulcano distrugge, ma allo stesso tempo crea nuove terre. La lava devasta ciò che incontra, ma il suolo vulcanico che ne rimane è tra i più fertili in assoluto. E poi c’è l’innegabile fascino del pericolo, l’idea di trovarsi nella caldera un vulcano attivo.

Osservate da vicino il cratere del Kilauea, splendido di notte quando si vede il fioco bagliore della lava che ribolle dentro. Toccate il terreno: è caldo.

Percorrete il Devastation Trail, un sentiero tra distese di lava grigie e desolate, dove la natura sta pian pian riprendendo vita. Percorrete il Thurston Lava Tube, un tunnel sotterraneo scavato dallo scorrere della lava, simile alla Cueva del Viento di Tenerife.

E poi scendete fino all’oceano lungo la Chain of Craters Road. Vi sembrerà di essere a Mordor. La strada è l’unico barlume di civiltà in un paesaggio altrimenti ultraterreno, nero come il carbone, con qualche sprazzo di verde qua e là. La strada termina all’improvviso, interrotta dalla colata del 2003.

La lava si butta nell’oceano e, raffreddandosi velocemente, crea incredibili sculture, archi e dirupi. Questa è la terra più nuova del mondo.

Potete persino vedere il magma, se scorre abbastanza in superficie. Meglio, però essere accompagnati. Controllate questo sito per verificare la presenza di flussi superficiali.

Questo post è stato utile? Vota!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo!

Siamo contenti che il post sia stato utile!

seguici sulla pagina Facebook!

Lascia un commento