Londra, cosa vedere a Piccadilly Circus e dintorni

Al momento stai visualizzando Londra, cosa vedere a Piccadilly Circus e dintorni
  • Categoria dell'articolo:Londra
  • Ultima modifica dell'articolo:5 Gennaio 2024
  • Tempo di lettura:15 minuti di lettura
  • Commenti dell'articolo:0 commenti
Condividi:
4
(1)

Sia per i visitatori che per gli abitanti locali, Piccadilly Circus rappresenta molto più di un semplice incrocio stradale. È il cuore pulsante di Londra, un luogo dove si respira l’energia e la vitalità della città e una delle sue principali attrazioni turistiche, con tante cose interessanti da vedere.

Oltre alle celebri insegne pubblicitarie luminose che adornano la piazza, Piccadilly Circus offre anche una vasta selezione di gallerie commerciali lussuose e teatri del rinomato quartiere West End. Queste attrazioni rendono la piazza non solo un luogo vivace e affascinante ma anche uno dei principali punti di interesse turistico a Londra.

Come arrivare

Potete raggiungere Piccadilly Circus a piedi, dalle principali attrazioni di Londra. Buckingham Palace è a solo 1 km, Trafalgar Square è proprio dietro l’angolo, il British Museum a 1.5 km. Passeggiare è anche il modo migliore per vedere tanti angoli diversi di Londra.

Se invece vi spostate con la metropolitana, Piccadilly Circus è servita da due linee: la Bakerloo (marrone) e la Piccadilly (blu). Dalla metro uscirete proprio nel cuore della piazza, davanti ai tabelloni pubblicitari.

Potete anche utilizzare l’autobus turistico hop-on hop-off, che tocca tutti i principali punti turistici di Londra, ed è inoltre incluso nel London Pass, la card turistica di Londra. Ha una validità variabile da uno a sette giorni, e consente di accedere senza fare la coda al oltre 80 attrazioni della capitale britannica.

mappa della metro di Londra



Storia di Piccadilly Circus

Piccadilly Circus fu costruita nel 1819 per alleviare il traffico congestionato di Londra. Inizialmente situata in una zona distante dal centro della città, la piazza divenne rapidamente un importante punto di ritrovo e un’attrazione turistica grazie alla sua posizione strategica e alla creazione della metropolitana nel 1906.

Il nome “Piccadilly” deriva da Robert Baker, un sarto che divenne famoso per aver creato i picadils, colletti rigidi utilizzati nell’abbigliamento dell’epoca. Baker possedeva terreni nella zona dove oggi si trova la piazza e il suo nome è stato adottato come riconoscimento del passato storico della zona.

Nel corso degli anni, Piccadilly Circus ha subito diverse trasformazioni ed è diventata sinonimo dello spirito vibrante e cosmopolita della città. La stazione della metropolitana presente nella piazza è stata aperta nel 1906 ed è ancora oggi uno dei principali hub del trasporto pubblico londinese.

Cosa vedere a Piccadilly Circus

Le insegne luminose e la Shaftesbury Memorial Fountain

Dopo il calar del sole, le insegne luminose di Piccadilly Circus illuminano a giorno tutta la piazza. Coca-Cola e Samsung sono i due marchi esposti più famosi, ma ce ne sono molti altri.

La statua che vedete accanto alla fermata della metro è la Shaftesbury Memorial Fountain, del 1893. La statua in cima alla fontana è universalmente conosciuta come Eros, ma, in realtà, ad essere rappresentato qui è suo fratello Anteros.

cosa vedere a Piccadilly Circus

Posizionatevi all’angolo della fontana e aspettate che passi uno dei tipici autobus a due piani. Non dovrete attendere molto per scattare la foto perfetta!

Nel film Harry Potter e I Doni della Morte: Parte I, i tre protagonisti si teletrasportano qui mentre sono in fuga dai Mangiamorte (anche se, nei libri, il punto esatto è Tottenham Square). Se state facendo un tour delle location della saga, quindi, non potete perdervi Piccadilly Circus.

Piccadilly Street

Lungo Piccadilly Street troverete già tantissime attrazioni interessanti. Prendete quindi la strada a sinistra della fontana, e camminate allontanandovi dalla piazza, fino ad arrivare a due palazzi storici che non sono semplici negozi, ma vere e proprie istituzioni.

Hatchards è una libreria storica, in attività dal 1797. Il negozio è bellissimo, c’è da perdersi tra i tantissimi scaffali, ed in più sono in vendita anche prime edizioni, e libri autografati.

Subito dopo c’è Fortnum & Mason, il tempio del tè inglese dal 1707. Tè e tisane di ogni genere, servizi in porcellana, ma anche caffè, caramelle, cioccolatini. All’interno c’è un ristorante, mentre al piano superiore si trova una caffetteria dove rilassarsi un po’. Ovviamente non è proprio economico, ma è impossibile uscire a mani vuote!

Poco oltre, dall’altra parte della strada, si trova la lussuosissima Burlington Arcade. Snob e raffinata, con il gli uscieri in livrea, mantiene un’aria autenticamente British, e non può mancare tra le cose da vedere a Piccadilly Circus. La galleria commerciale ha aperto i battenti nel 1819, con lo scopo di offrire un ambiente raffinato ed esclusivo per lo shopping dell’aristocrazia inglese. Ancora oggi è popolata da negozi di lusso, soprattutto pelletteria, orologi e profumi.

Regent Street e Carnaby Street

Prendete l’immensa strada curva a sinistra dei pannelli luminosi. Siete in Regent Street, una delle strade più grandi e famose di Londra. Per fare un altro paragone con Milano, è come essere in Via Montenapoleone. Qui si trovano infatti i negozi delle grandi marche e di lusso.

Il vialone è stato completato nel 1825, sempre nell’ambito del progetto di rinnovamento urbanistico. I bianchi edifici in pietra di Portland sono stati invece costruiti nel primo ‘900, con lo scopo di dare un’idea di maestosità e grandezza.

La vicina Carnaby Street è la ex via alternativa di Londra. Questa strada è diventata famosa negli anni ’60, e per decenni è stata la culla della controcultura londinese, attirando giovani, artisti e musicisti.

Oggi ha perso quell’atmosfera trasgressiva, diventando un’altra via dello shopping, anche se ha mantenuto un target giovanile. Io ci sono stata per la prima volta nel 1998, e devo purtroppo ammettere che, ad oggi, Carnaby Street manca di carattere.

Vale comunque la pena passarci, è pur sempre un luogo di importanza storica e culturale.

Leicester Square, Chinatown e West End

Passiamo ora alla zona ad est di Piccadilly Circus, conosciuta per i teatri e Chinatown.

Leicester Square è l’ombelico del West End, il quartiere dei teatri e dell’intrattenimento. La piazza faceva originariamente parte della Leicester House, la residenza del Conte di Leicester. La casa è stata demolita nel 1792, e pian piano la piazza ha cominciato a popolarsi di hotel, casinò, musei e ovviamente teatri.

I Rolling Stones, I Sex Pistols e altri hanno mosso i primi passi al leggendario Cavern in the Town, che oggi è il Leicester Square Theatre.

La cosa migliore da fare a West End è senza dubbio assistere a uno spettacolo teatrale, magari un bel musical. Potete acquistare i biglietti direttamente dai siti dei teatri, oppure su questa pagina.

Fate anche un giro nella colorata e vibrante Chinatown, dove fare acquisti e assaggiare la cucina orientale. Dopotutto, Londra è tra le capitali più multiculturali del mondo!

Il quartiere cinese si sviluppa a nord di Leicester Square, lungo Gerrard Street e Lisle Street. La bella porta colorata si trova invece su Wardour Street.

Infine, per la gioia di grandi e piccini, tra le cose da vedere a Piccadilly Circus non possono mancare questi due superstore.

Mi riferisco gli enormi negozi della M&M’s e della Lego, situati uno di fronte all’altro all’angolo di Leicester Square. Sono così famosi che spesso c’è la fila per entrare, e solo un ottimo svago per i bambini. Il colorato e divertente allestimento dei negozi è già da solo un’attrazione, e sarà davvero difficile resistere alla tentazione di acquistare qualcosa.

Dove mangiare

A Piccadilly Circus avrete solo limbarazzo della scelta per mangiare. C’è di tutto, dai fast-food ai ristoranti di alto livello, ai pub tradizionali.

Il pub resta, a mio avviso, il miglior modo di provare la vera cucina inglese, e al contempo respirare un’aria più autentica. Noi abbiamo mangiato un ottimo fish & chips al The Cambrige.

Ma non dimentichiamo le grandi catene, perfette per mangiare a buon mercato. Qui ce ne sono diverse, da Planet Hollywood al famoso Hard Rock Café, fino ai fast food di qualità più alta, come Five Guys e Shake Shak.

Per chi volesse provare la cucina di uno chef famoso, Jamie Oliver ha un diner proprio qui, subito dietro all’edificio con le insegne pubblicitarie.

Vuoi saperne di più?

Se hai ancora dubbi e curiosità, scrivimi o lascia un commento qui sotto, e sarò felice di risponderti il prima possibile!

Questo post è stato utile? Vota!

Average rating 4 / 5. Vote count: 1

Vota per primo!

Siamo contenti che il post sia stato utile!

seguici sulla pagina Facebook!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Lascia un commento