Oyster Card, come funziona il pass per muoversi a Londra

Al momento stai visualizzando Oyster Card, come funziona il pass per muoversi a Londra
  • Categoria dell'articolo:Londra
  • Ultima modifica dell'articolo:26 Ottobre 2022
  • Tempo di lettura:12 minuti di lettura
  • Commenti dell'articolo:0 commenti
Condividi:
5
(3)

Se organizzando un viaggio a Londra, sicuramente vi starete chiedendo come muovervi il più agevolmente (ed economicamente) possibile nella capitale britannica.

I mezzi pubblici sono la scelta migliore per visitare Londra. La rete è capillare, e diversificata tra metro, bus, treni di superficie e linee specifiche locali; potete arrivare praticamente ovunque.

Il modo più pratico ed economico per sfruttare al meglio la vasta rete londinese è utilizzare una Oyster Card, un pass con credito prepagato che permette di accedere a tutti i mezzi.

Il funzionamento di questa card, tuttavia, non è molto intuitivo. Nella maggior parte delle grandi città sono a disposizione biglietti singoli, carnet e abbonamenti a tempo. La Oyster Card a Londra opera in modo leggermente diverso, vediamo quindi come utilizzarla correttamente.

Cos’è la Oyster Card

La Oyster Card è l’abbonamento per i mezzi pubblici di Londra, e permette di viaggiare nell’area metropolitana su metro, bus, Docklands Light Rail e treni di superficie. Fisicamente, si presenta come un tesserino magnetico, sul quale caricare l’importo desiderato, che sarà scalato a consumo (pay as you go). Una specie di carta prepagata, insomma.

La Oyster Card può essere usata anche per il tragitto da e per l’aeroporto. Tuttavia, per questo viaggio io consiglio sempre di usare la Southern Railway, perché utilizzando questo mezzo potrete accedere all’offerta speciale 2×1, che consente di visitare moltissime attrazioni pagando un solo biglietto anziché due.

Ci sono due tipi di Oyster Card:

  • Regular Oyster Card, utilizzata per lo più dai residenti, e da chi si ferma a Londra per un tempo prolungato.
  • Visitor Oyster Card, pensata appositamente per i turisti, che restano in città meno di una settimana.

Non ci sono grandi differenze tra le due, il funzionamento è lo stesso. Sostanzialmente, la Visitor deve essere pre-acquistata, e non può essere registrata online, quindi in caso di smarrimento non potrà essere recuperata, e non è possibile associarla ad altre travelcard. La Visitor dà inoltre accesso ad una serie di sconti ed offerte.

Io ho fatto la Regular, come potete vedere dalle foto qui sotto, proprio perché non cambia quasi nulla, e gli sconti proposti non sono così vantaggiosi rispetto alle card turistiche.

Perché acquistare una Oyster Card

Acquistare una Oyster Card vi porterà diversi vantaggi:

  • Non avrete bisogno di nessun altro biglietto per viaggiare in tutta l’area metropolitana. Dite addio alle code alla macchinetta e ai foglietti volanti!
  • Non scade. Compratela una volta, e potrete usarla per le vostre future visite di Londra, semplicemente ricaricandola.
  • Grazie al tetto massimo giornaliero, vi farà risparmiare già dal terzo utilizzo, rispetto all’acquisto del biglietto singolo.
  • E’ valida dal primo utilizzo, non dovrete quindi preoccuparvi di indicare le date esatte del vostro soggiorno

Dove acquistarla

Se volete la Visitor Oyster Card, dovrete acquistarla online, e farvela spedire a casa al costo di 5£. Acquistatela quindi con sufficiente anticipo, per non rischiare che arrivi dopo la vostra partenza.

Sem invece, vi trovate già a Londra, potrete recarvi presso uno degli uffici turistici, ed acquistare una Regular Oyster Card. Questa è la soluzione che vi coniglio, così potrete decidere al momento quanto caricare, e chiedere eventualmente dei chiarimenti. Nel mio caso, ero indecisa su quanto caricare, e l’addetto allo sportello è stato gentilissimo e preciso. Infatti, al momento del rientro, avevo avanzato solo pochi spiccioli.

Costi e condizioni

La Visitor Oyster Card è disponibile in diversi tagli: 15£, 20£, 25£, 30£, 40£ e 50£. L’attivazione costa 5£, non recuperabili.

La Regular è più flessibile, potrete infatti caricare quanto vi serve direttamente all’ufficio turistico, oppure alle macchinette automatiche delle stazioni metro.

I bambini sotto gli 11 anni viaggiano gratuitamente se accompagnati da un adulto in possesso della Oyster Card, mentre i ragazzi da 11 a 15 possono usufruire degli sconti per i giovani. Dovrete però rivolgervi a un addetto per far applicare lo sconto sulla card di un adulto.

Indicativamente, per il classico weekend di 2 notti vi occorrano circa 20£, muovendovi solo tra ke zone 1-2 ovvero dove si trova la maggior parte delle attrazioni.

mappa della metro di Londra

Come funziona la Oyster card: il daily cap

Il sistema di calcolo della tariffa è piuttosto complesso, perché varia a seconda del mezzo usato, dell’ora del giorno, e della zona. Con il metodo pay as you go, ogni volta che utilizzate la card il sistema addebita un importo specifico, calcolato sulla combinazione di questi tre fattori.

Tutto ciò può creare molta confusione. In realtà, se utilizzate la card almeno tre volte al giorno, tutti questi calcoli non vi riguardano. L’unico dato che vi interessa è il daily cap, il tetto massimo giornaliero. Una volta raggiunto questo limite, non vi sarà addebitato più nulla per quel giorno. Per esempio, se vi muovete solo in centro (zone 1-2), pagherete al massimo 7,20£ al giorno, indipendentemente dal numero di viaggi, dall’orario e dal mezzo utilizzato. Vale la zona più lontana, quindi anche solo una fermata nella zona 3 vi farà passare allo scaglione successivo.

Londa Oyster Card

Come usare la Oyster Card

  • In Metro e treno: appoggiate la card sul lettore, in entrata e in uscita
  • In Bus: appoggiate la carta sul lettore solamente in entrata

Se terminate il credito, la procedura varia a seconda che abbiate una Visitor o una Regular Oyster Card:

  • Con la Visitor, effettuate il top up (ricarica) presso tutte le stazioni della metro, o dei treni DLR e London Overground
  • La Regular può essere ricaricata anche online, ma dovrete prima registrarla qui. Una volta registrata, andate su questa pagina per effettuare il top up. Potete anche attivare l’auto top-up, la ricarica automatica quando il credito scende sotto una certa soglia. Tuttavia, quest’opzione ha senso solo per lunghe permanenze.

La Oyster Card non ha scadenza.

Se vi avanza del credito alla fine del viaggio, potete tenere la tessera per la prossima occasione, o prestarla ad amici e parenti.

Se, invece, preferite avere il rimborso del credito residuo, potete farlo alle macchinette automatiche in metropolitana. Basterà appoggiare la carta sul lettore giallo, e selezionare Oyster Refund (rimborso). Il rimborso massimo è 10£. Con la Regular, potete farvi rimborsare anche i 5£ di deposito, con la Visitor invece no. In entrambi i casi, la Oyster Card non potrà più essere utilizzata.

Secondo me, quindi, è preferibile tenerla, sarà una buona scusa per tornare!

Eccezioni

Come dicevo, il turista medio difficilmente esce dal centro di Londra, in quanto le maggiori attrazioni sono nelle zone 1-2.

L’eccezione più comune sono gli Harry Potter Studios. Per raggiungere gli Studios dovrete andare in treno alla stazione di Watford Juction, che è nella zona 9, e poi proseguire con la navetta a pagamento (3£).

Per raggiungere Watford Juction potete usare la Oyster Card, e il vostro daily cap quel giorno sarà 18,80£. E’ conveniente, se pensate che il biglietto singolo a/r vi costerebbe 12,20£. Potete infatti comunque usare la Oyster Card per il resto della giornata, senza mai superare questo tetto massimo. In alternativa, per visitare gli studios potete partecipare ad un tour organizzato.

C’entra poco con la Oyster Card, ma voglio comunque segnalarvi quanto segue.

Londra approfitta dei weekend per svolgere lavori di manutenzione della rete, soprattutto in metropolitana.

Se il vostro viaggio nella capitale britannica include sabato e domenica (e di solito è così), fate molta attenzione agli avvisi vocali e ai cartelloni esposti nelle stazioni. Alcune fermate, o addirittura intere linee, potrebbero essere fuori servizio.

Cosa fare e vedere a Londra

Ora che sapete così e come funziona la oyster card, non vi resta che partire alla scoperta di Londra.

Le attrazioni della capitale britannica sono innumerevoli: monumenti, parchi, musei, grandi magazzini e attività per tutta la famiglia. Si potrebbe stare a Londra anche una settimana, e comunque dover tralasciare qualcosa. Naturalmente, è impossibile riassumere tutto quello che c’è da fare e vedere in un piccolo paragrafo, per questo vi rimando ad alcuni miei articoli su Londra:

Vuoi saperne di più?

Se hai ancora dubbi e curiosità, scrivimi o lascia un commento qui sotto, e sarò felice di risponderti il prima possibile!

Questo post è stato utile? Vota!

Average rating 5 / 5. Vote count: 3

Vota per primo!

Siamo contenti che il post sia stato utile!

seguici sulla pagina Facebook!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Lascia un commento