Cosa vedere a New York, itinerario di cinque giorni nella Grande Mela

Al momento stai visualizzando Cosa vedere a New York, itinerario di cinque giorni nella Grande Mela
  • Categoria dell'articolo:New York
  • Ultima modifica dell'articolo:26 Febbraio 2024
  • Tempo di lettura:27 minuti di lettura
  • Commenti dell'articolo:2 commenti
Condividi:
0
(0)

New York, con 8 milioni e mezzo di abitanti, è la città più grande degli Stati Uniti, nonché una delle più iconiche e cosmopolite del mondo. È un centro di business, cultura, moda e intrattenimento, e le cose da vedere di certo non mancano.

Conosciuta come la “Grande Mela”, la città offre attrazioni per tutti i gusti, dai grattacieli di Manhattan ai musei di fama mondiale, come il MOMA e il PET, ampi spazi verdi e quartieri storici, come Downtown e Chinatown, nei quali scoprire l’anima più antica della cuttà.

New York è una città ricca di fascino, in continua evoluzione e sempre pronta ad affrontare nuove sfide.

Consigli per visitare New York

Poiché questo articolo è già abbastanza lungo, per tutti i consigli di viaggio vi rimando al mio articolo dedicato, nel quale potrete scopire:

  • Come arrivare a New York
  • Come muoversi in città
  • Quando andare
  • Dove alloggiare
  • Quanti giorni dedicare a New York
  • Come suddividere l’itinerario
  • Quali sono le principali card turistiche
  • Dove mangiare

Storia di New York

L’area di New York era in origine abitata dalla tribù di nativi americani Lenape, dei cui insediamenti non rimane tuttavia alcuna traccia.

Nel 1524, Giovanni da Verrazzano esplorò la baia di New York per conto della Francia, ma furono gli olandesi i primi europei a creare un insediamento, con la fondazione di Nuova Amsterdam nel 1624. La colonia olandese passò tuttavia presto nelle mani degli inglesi, che nel 1664 la ribattezzarono New York, in onore del Duca di York.

Grazie alla sua posizione favorevole, New York crebbe molto velocemente, affermandosi come snodo commerciale e come primo punto di accesso al Nuovo Mondo. Al termine della Guerra d’Indipendenza, cui partecipò attivamente, fu nominata prima capitale degli Stati Uniti d’America.

Nel diciannovesim osecolo, New York conobbe una crescita esponenziale grazie all’immigrazione e allo sviluppo industriale, diventando uno dei principali centri mondiali di economia e finanza.

Il 24 ottobre 1929, la borsa di Wall Street segnò un crollo senza precedenti, causando la perdita di miliardi di dollari ed innescando la Grande Depressione, una delle più gravi crisi economiche della storia. La città si trovò ad affrontare un picco di disoccupazione, povertà e criminalità, che si risolse solo grazie al New Deal di Roosevelt.

Nel dopoguerra, New York conobbe un periodo di fermento culturale, con la nascita di movimenti come l’Espressionismo Astratto e la Beat Generation. La città rimaneva però ostaggio delle bande criminali, arrivando ad un passo dalla bancarotta nel 1975. La città rinaque negli anni ’80, grazie alla ripresa economica e alle politiche del sindaco Giuliani.

L’11 settembre 2001, il gruppo terroristico Al Qaeda sferrò un attacco alla città e all’America, dirottando due aerei contro Torri Gemelle, che crollarono su sé stesse causando la morte di quasi 3000 persone.

Cosa vedere a New York, Downtown Manhattan

Downtown Manhattan è la zona più a sud dell’iisola. Corrisponde al nucleo originario di New York, nonché al suo centro finanziario. Qui si trovano gli edifici più antichi della città, come la Federal Hall e la Trinity Church, oltre alla borsa valori e alla Federal Reserve (la banca centrale americana). Fino al 2001 vi svettavano anche le simboliche Torri Gemelle, oggi sostituite dal grattacielo One World e ricordate nel commovente Museo dell’11 settembre.

Poiché questa zona fu la prima ad essere colonizzata, qui si trovano anche i più antichi quartieri di immigrati, come Chinatown e Little Italy, e i quartieri anticonformisti East Village e Greenwich Village. Chi arrivava in nave dall’Europa veniva accolto dall’imponente Statua della Libertà, per poi sbarcare presso il centro di smistamento di Ellis Island.

Downtown è una zona poliedrica, dove scoprire la storia della città e ammirarne gli ultimi capolavori architettonici.

Statua della Libertà

Per evitare lunghe code, partire subito con un tour in battello di Liberty e Ellis Island, per scoprire la storia degli immigrati di inizio ‘900, inclusi moltissimi italiani. Potrete persino fare una ricerca in base al cognome, magari avete uno zio d’America!

La Statua della Libertà è il simbolo per eccellenza degli USA e di New York. Per salire al piedistallo e alla corona, e godere di uno straordinario panorama su New York, dovrete prenotare in anticipo. Verificate costi e orari su questo sito, consigliato dal circuito NPS.

La gita in battello porterà via qualche ora. Tornati sulla terraferma (si fa per dire, visto che Manhattan è un’isola!), visitate Battery Park, con i suoi memoriali dedicati ai militari.

Financial District

Risalite da Bowley Green lungo la Broadway, e svoltate a destra in Wall Street, dove si trova la borsa più famosa del mondo. L’edificio non è accessibile al pubblico, ma lo potete fotografare da fuori. Proprio di fronte si trova la Federal Hall, il primo Campidoglio americano. L’ingresso è gratuito.

Continuando in Nassau Street arriverete ad un altro caposaldo dell’economia mondiale, la Federal Reserve. Custodisce la più grande riserva aurea degli USA, e può essere visitata solo con tour guidato, due volte al giorno.

Trinity Church

Tornate sulla Broadway per visitare due chiese simbolo. La Trinity Church è stata ricostruita a metà ‘800 dopo che l’originale fu distrutta da un incendio. Difficile crederci oggi, ma un tempo, questa chiesa era l’edificio più alto di Manhattan. La vicina St Paul’s Chapel è il luogo di culto più vecchio della città, e divenne tristemente famosa l’11 Settembre 2001, quando fu utilizzata come ospedale da campo. Al suo interno si trova un toccante memoriale di quel giorno nefasto.

Ponte di Brooklyn

Continuate fino al municipio, il City Hall, e fate una passeggiata sul Ponte di Brooklyn, tra i ponti più famosi al mondo.

Museo e Memoriale dell’11 settembre

Terminate la giornata al Memoriale e Museo dell’11 Settembre, dove una volta sorgevano le torri gemelle. Il memoriale consiste in due piscine sui cui bordi sono incisi i nomi delle vittime. Il Museo, sotterraneo, vi porterà alla base delle Torri Gemelle, in una ricostruzione dettagliata e commovente di quel giorno.

One World Observatory

Per una splendida visuale su Lower Manhattan, New Jersey, il ponte di Brooklyn e la Statua della Libertà, salite all’osservatorio del nuovo World Trade Center, il One World Observatory. Prenotate in anticipo, il biglietto costa 35$.

Chinatown e Little Italy

Cominciate da Chinatown e Little Italy, che ormai sono due quartieri in uno. Five Points, l’angolino più a sud di Columbus Park, è stato reso famoso dal film Gangs of New York. Di quelle lotte, oggi, resta solo il ricordo. Da qui partono Mott Street e Mulberry Street, tradizionalmente luoghi di immigrazione italiana. I nostri compatrioti sono ormai integrati nella comunità newyorchese, tanto che, oggi, la nostra Little Italy è poco più di una strada con negozi e ristoranti pseudo-italiani, molto finta e iper turistica.

Diverso il discorso di Chinatown. La comunità cinese è fortemente concentrata in questo quartiere, tra la Broadway, Canal e Bowery Street. Fate un giro tra le bancarelle, e non perdete l’opportunità di assaggiare del vero cibo cinese. Potete anche visitare il tempio buddista Mahayana.

Tornate sulla Broadway, l’arteria principale di New York, e entrate nel quartiere di Soho. Il nome significa SOuth of HOuston Street, ed è una zona alla moda, piena di locali e negozi, ma anche edifici storici con le facciate decorate in ghisa.

Cosa vedere a New York, Midtown Manhattan

Washington Square Park

Attraversate Houston Street ed entrate così nel Greenwich Village. Questo è il quartiere delle case in mattoni rossi, degli artisti, e della vibrante atmosfera della New York University.

Il cuore pulsante di questo quartiere è il Washington Square Park, un piacevole parco con una grossa fontana e l’arco commemorativo del primo Presidente.

Greenwich Village è un quartiere a misura d’uomo, piacevole da girare, dove i bar hanno i tavolini all’aperto, e sembra di essere in una città di provincia. I fan di Friends e Sex in the City troveranno qui gli appartamenti delle loro serie tv preferite, e Magnolia Bakery, il panificio dove Carrie e Miranda acquistano i cupcakes.

Chelsea

Prendete la Hudson Street e arrivate fino alla Gansevoort Street. Siete a Chelsea, il quartiere più alternativo di New York. La High Line una volta era una ferrovia, usata proprio per trasportare la carne. Oggi è un meraviglioso e pacifico parco sopraelevato, da godere a piedi, lentamente.

E’ perfetta per il tramonto e, per un’esperienza ancora migliore, scendete al Chelsea Market per mangiare un boccone. Troverete di tutto, e a prezzi ragionevoli.

Union Square

Oggi tocca a Midtown. Cominciate dalla Union Square con il suo bel parco, e non perdetevi il curioso orologio Metronome, e le belle statue ornamentali.

La Broadway vi porta fino a Times Square, ed ha la particolarità di essere l’unica via in diagonale di Manhattan da qui fino alla fine di Central Park. Siete in piena zona dello shopping, approfittatene.

Flatiron Building

All’angolino con il Madison Square Park, ammirate il Flatiron Building, uno degli edifici simbolo di New York. Il “ferro da stiro” risale al 1902, ed è alto 86,9 metri.

Grandi Magazzini Macy’s

Proseguite fino ad incrociare la 34ma strada. A sinistra avete i Grandi Magazzini Macy’s di Herald Square, da non perdere. Se capitate qui sotto qualche festività, le decorazioni di Macy’s vi faranno luccicare gli occhi.

Empire State Building

Andate invece verso destra per arrivare al grattacielo più famoso del mondo. Siete ai piedi dell’Empire State Building. Salite all’osservatorio all’86° piano per un panorama spettacolare su tutta Manhattan, e soprattutto sul bellissimo Chrysler Building. In alternativa, potete tenere questa visita per il tramonto.

New York Public Library

Dall’Empire State Building, risalite lungo la 5th Avenue, la via dello shopping di lusso, fino a Bryant Park, sulla 42ma. Visitate la New York Public Library, la biblioteca protagonista nel film The Day After Tomorrow. Ci sono dei tour guidati alle 11 e alle 14, la domenica solo alle 14.

Grand Central Station

Continuando sulla 42ma verso est incontrerete la Grand Central Station. Fate un giro nella bellissima hall principale, con lo storico orologio a 4 facce e il soffitto decorato con le costellazioni. Poco più in là svetta il grattacielo più bello di New York, il Chrysler Building. Potete visitare il maestoso atrio, decorato in marmo e acciaio cromato.

A questo punto dovrete fare una scelta, perché temo che non ci sia tempo per visitare tutto.

Palazzo di vetro delle Nazioni Unite

Proseguendo fino all’East River, troverete il Palazzo di Vetro, sede delle Nazioni Unite. Per fare un tour guidato, dovrete prenotare, i gruppi sono limitati. Munitevi di passaporto e preparatevi a controlli serrati.

Museum Of Modern Art (MOMA)

In alternativa, dal Chrysler Building tornate sulla 5th Avenue e continuate fino alla 53ma, dove si trova il Museum of Modern Art, comunemente conosciuto come MOMA. Il museo include capolavori dal tardo ‘800 ad oggi, tra cui la Notte Stellata di Van Gogh. Costa 25$ per gli adulti, ed il venerdì è aperto fino alle 21.

Times Square

Terminate la giornata in Times Square, la piazza che non dorme mai. Le luci al neon dei suoi negozi e cartelloni pubblicitari danno un nuovo significato alla frase “illuminare a giorno”.

Visto che siete nel quartiere dei teatri, perché non approfittare per vedere uno spettacolo di Broadway?

itinerario di cinque giorni a New York

5th Avenue

Tornate in centro lungo la 5th Avenue, passando sotto palazzine da sogno, con tanto di veranda e usciere in livrea. Questo è l’Upper East Side, tra i quartieri più ricchi di Manhattan. Nella via dello shopping di lusso, non perdetevi il negozio della Apple, il negozio Tiffany, quello della famosa Colazione di Audrey Hepburn, e la lussiosissima Trump Tower.

Top Of The Rock

Chiudete la giornata al Top of The Rock, l’osservatorio al 100° piano del Rockefeller Center. Meno affollato dell’Empire State Building e del One World, è quello che, a mio avviso, ha la vista panoramica migliore. Vi troverete davanti l’Empire State Building, e dietro di voi la geometrica perfezione di Central Park. Cercate di salire quando è ancora chiaro.

Per la cena e il dopo-cena, potete andare ancora una volta a Times Square.

Hai poco tempo, e non sai quale grattacielo scegliere? leggi l’articolo!

Cosa vedere a New York, Upper Manhattan

National Museum of Natural History

Questa giornata dell’itinerario di cinque giorni a New York comincia dal Museo di Storia Naturale, quello che compare nel film Una Notte al Museo. Il biglietto costa 23$ per gli adulti e 13$ per i bambini, ed è perfetto per le famiglie.

Prima di entrare in Central Park, fermatevi da Zabar’s per degli autentici bagels, da gustare a pranzo. fate anche una sosta al Dakota Building, la casa di John Lennon, davanti alla quale fu ucciso.

Central Park

Central Park è enorme, un vero polmone verde. La parte meridionale è più costruita, mentre quella settentriolane è più selvaggia. Le attività e le attrazioni si sprecano. Potete noleggiare una bicicletta, e persino una canoa alla Loewe Baothouse. Arrampicatevi sulle statue di Alice nel Paese delle Meraviglie, dello scrittore Andersen, e del cane Balto, e poi guidate una barca telecomandata al Conservatory Water. Visitate lo zoo oppure, semplicemente, passeggiate lasciandovi trasportare dai sentieri, e ammirate il panorama dal Jaqueline Kennedy Reservoir, dal Belvedere Castle, o dalla Bethesda Terrace.

Metropolitan Museum (MET)

Dedicatevi alla visita del MET, un museo omnicomprensivo che include di tutto, dai cimeli archeologici ai quadri del Rinascimento italiano, dalle armature dei Samurai alle ballerine di Degas. Costa 25$ e chiude alle 17.30, ma il venerdì e il sabato è aperto fino alle 21.

Guggenheim Museum

Gli amanti dell’arte contemporanea vorranno visitare anche il Guggenheim Museum. Anche se non siete interessati, fate comunque un giro da fuori, l’edificio ha una struttura molto particolare.

Cosa fare a New York

Tenete l’ultimo giorno dell’itinerario di cinque giorni a New York come jolly per recuperare qualche visita lasciata indietro, o per delle divertenti gite fuori porta, o ancora per vedere qualche mostra o evento particolare. Ecco qualche idea:

Assistere a uno spettacolo di Broadway

Fare una crociera attorno a Manhattan

Fate una crociera attorno a Manhattan con Circle Line, che offre tour di diverso tipo, della durata da 1 ora a 2 ore.

Visitate una vera portaerei e molti altri mezzi di trasporto e bellici all’Intrepid Sea Air and Space Museum. Troverete anche uno space shuttle, un lockheed, e un concorde.

Vedere una partita di baseball

Approfittate di un pomeriggio libero per andare a vedere una partita di baseball, hockey su ghiaccio, basket o football. Tutti sport, ad eccezione del basket, che da noi sono poco diffusi, quindi potrebbe essere una bella opportunità.

Il basket e l’hockey si giocano al Madison Square Garden, non distante dall’Empire State Building.

Per vedere i New York Yankees, la squadra di baseball, dovrete invece spingervi nel Bronx. Ma non vi preoccupate, la zona è assolutamente sicura. In più, con voi ci saranno migliaia di tifosi! Andate a leggere la mia esperienza.

I New York Giants, la squadra di football, giocano in New Jersey, al MET Life Stadium, anch’esso raggiungibile con i mezzi.

Messa Gospel a Harlem

Molti turisti desiderano assistere a una funzione religiosa in stile gospel, e questo è possibile nel quartiere di Harlem, dove la popolazione afro-americana è maggiore.

Se desiderate fare quest’esperienza, è necessaria una premessa. Poiché si tratta di vere funzioni religiose, e non spettacoli ad hoc per i turisti, occorre sempre mostrare rispetto, e vestirsi con abbigliamento adeguato.

Alcune delle chiese più grandi che offrono la possibilità di assistere alla messa ai turisti, ci sono la Abyssinian Baptist Church, la First Corinthian Baptist Church, e la Canaan Baptist Church (vedi mappa).

Vuoi saperne di più?

Se hai ancora dubbi e curiosità, scrivimi o lascia un commento qui sotto, e sarò felice di risponderti il prima possibile!

Questo post è stato utile? Vota!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo!

Siamo contenti che il post sia stato utile!

seguici sulla pagina Facebook!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Questo articolo ha 2 commenti

  1. Marina

    Che siano 5 o 10 giorni da trascorrere a NEw York non basteranno mai, ci sarà sempre qualcosa da vedere e scoprire!!
    Sicuramente un buon piano d’attacco per visitare le maggiori attrazioni serve sempre

    1. Valeria

      sì, una linea guida è sempre utile per non perdersi le cose principali, poi in realtà a NYC si può fare qualsiasi cosa, ognuno secondo i propri gusti personali 😉

Lascia un commento