Visitare la Rocca di Angera
Fuori Porta

Visitare la Rocca di Angera

Il Lago Maggiore, equamente diviso tra Lombardia, Piemonte e Svizzera, è una meraviglia paesaggistica, e ricchissimo di tesori

I paesini costieri sono stupendi: Arona, Stresa, Pallanza… E poi ci sono le Isole Borromee, dei gioiellini incastonati nell’acqua. Splendide ville, parchi, montagne, monasteri… ci si potrebbero passare due settimane senza annoiarsi.

C’è da dire, che i visitatori sembrano prediligere la sponda piemontese, più ricca di attrazioni. Ma anche la nostra sponda, quella lombarda, offre tante cose da fare. Una su tutte è la Rocca di Angera, la roccaforte dei Visconti e Borromeo in posizione strategica e panoramica.

Visitare la Rocca di Angera è una bellissima esperienza, e un ottimo modo per passare una piacevole domenica lontano dal traffico cittadino.


Come arrivare

Da Milano, prendete la A8 fino a Gallarate, poi poseguite sulla E62 fino all’uscita di Vergiate. Imboccate la SS33 del Sempione fino a Sesto Calende, dove passerete sotto ad un imponente ponte sul Ticino. Qui finisce il Lago Maggiore. Seguite la statale fino ad arrivare ad Angera.

Da Torino, prendete la A4 e, a Biandrate / Vicolungo, entrate nella A26 ed uscite a Castelletto Ticino. Da qui, imboccate sempre la SS33 del Sempione. Arriverete a Sesto Calende, e da qui potrete proseguire come sopra.

Un modo più panoramico per raggiungere la Rocca di Angera è utilizzare il comodo servizio di Navigazione Laghi. Potete prendere il traghetto da Arona, sulla sponda piemontese, e godere della splendida vista sulla Rocca ancora prima di metterci piede.

La Rocca dista poi circa 20 minuti a piedi dall’imbarcadero, tutti in salita!

Info Pratiche

Non è necessario prenotare la vostra visita alla Rocca di Angera, a meno che non siate comitive numerose. Fuori dall’ingresso c’è un parcheggio abbastanza capiente. Tuttavia, l’afflusso di visitatori aumenta durante la giornata, pertanto è sempre consigliabile arrivare presto.

Al momento della mia visita, ad Agosto 2019, la Rocca osservava questi orari: dal 22 Marzo al 20 Ottobre, tutti i giorni dalle 9 alle 17.30. Il costo del biglietto per un adulto è 10€.

E’ possibile anche, acquistare dei biglietti combinati per visitare più attrazioni, per esempio Rocca + Isole, Rocca + Villa Pallavicino.

All’interno della rocca, troverete servizi igienici e un bar.

La durata consigliata per visitare la Rocca di Angera è di circa 2 ore.

Visitare la Rocca di Angera

La visita della Rocca di Angera è libera. Una volta entrati, andate verso il cortile interno. Da qui, avrete accesso a tutte le aree espositive, e potrete scegliere liberamente come muovervi.

Museo della Bambola e del Giocattolo

Uno spazio molto importante è riservato al Museo della Bambola. Qui, troverete bambole di ogni epoca e da tutto il mondo. E in ogni materiale: dalla porcellana alla cera, alla plastica.

Queste bambole sono dei piccoli capolavori, tanta è la cura dei dettagli, anche nei vestiti. Alcune, in realtà, le trovo spaventose. ma io sono facilmente impressionabile!


Sul lato settentrionale, l’Ala Scagligera ospita delle mostre temporanee.

Questa parte della rocca si chiama così perché Bernabò Visconti fece decorate queste sale con il motivo araldico della moglie, Regina dalla Scala. In ogni stanza troverete infatti il disegno di una scala a pioli.

Controllate quale mostra sarà in corso al momento della nostra visita. Noi abbiamo visto Quaestio de Aqua et Terra, con opere anche di forte impatto, che spingono a riflettere.

Nell’angolino di questa sala di vede il simbolo araldico degli Scala

Dall’Ala Scaligera si accede direttamente alle Sale Storiche. La Sala della Giustizia è senza dubbio quella più importante. Le decorazioni sono opera di un anonimo, chiamato Maestro di Angera. Ripropongono motivi astrologici e astronomici, e vicende storiche come la Battaglia di Desio.

La Sala della Giustizia

Da qui potete proseguire per le altre sale arredate. Ma prima, non dimenticate di salire fino in cima alla torre. Le scale sono strette, ci passa solo una persona per volta, ma la vista vi ripagherà ampiamente.

Dalla prima terrazza, più grande, continuate a salire per arrivare alla seconda terrazza. Da qui, il panorama sul Lago Maggiore e su Arona è strepitoso. Affacciatevi sul lato del lago,e e guardate dritto davanti a voi per scorgere il San Carlone, l’imponente statua dedicata a San Carlo Borromeo.

Il panorama sul Lago Maggiore e Arona

Tornate giù, e riprendete il percorso delle Sale Storiche. Le stanze sono una più bella dell’altra, decorate e arredate riccamente. Raccontano la storia di due famiglie, i Visconti e i Borromeo, delle loro gesta e dei loro rappresentanti. Io sono rimasta esterrefatta dalla cura dei dettagli, dalle tende ai centrotavola.

Infine, passate oltre la caffetteria per arrivare nello splendido giardino medievale, affacciato sul lago. Ci sono piante decorative, ma anche e soprattutto aromatiche e piante da frutto. Si passeggia in un giardino bucolico, tra viti, alberi di pero, lavande profumate. Un vero luogo di pacce, dove riposarsi al termine della visita e ammirare la ricchezza offerta da Madre Natura.

La Rocca vista dal giardino di piante da frutto

Seguici su:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto