Preparare la valigia per un viaggio on the road in USA

You are currently viewing Preparare la valigia per un viaggio on the road in USA
  • Categoria dell'articolo:Organizzare il Viaggio
  • Ultima modifica dell'articolo:13 Aprile 2021
  • Tempo di lettura:7 mins read
  • Commenti dell'articolo:2 commenti
Condividi:
0
(0)

Preparare la valigia per un viaggio on the road non è come prepararla per una vacanza stanziale.

Quando restiamo a lungo nello stesso posto, possiamo permetterci di esagerare un po’. Tanto, a destinazione disferemo il bagaglio e riporremo tutto nell’armadio. Quando dobbiamo spostarci in continuazione, invece, è opportuno fare un bagaglio più compatto, e soprattutto ben organizzato, per avere sempre sotto mano quello che ci serve.

In questo post, vi spiegherò cosa metto in valigia, e come mi organizzo per i miei viaggi on the road negli Stati Uniti.

Zaino o Trolley?

Ecco il primo dilemma. Gli amanti dell’avventura risponderanno “zaino” senza pensarci nemmeno un secondo. Io non sono grande amante dell’avventura, e rispondo “trolley”, almeno per il bagaglio grosso.

Trovo che lo zaino sia scomodo se si vuole un minimo di ordine. La roba che finisce in fondo rischia di rimanere dimenticata, oltre che spiegazzata. Fissata come sono, finirei con lo svuotare e riempire lo zaino ogni giorno da zero!

Ciò non toglie che lo zaino sia una grandissima comodità per tutte quelle cose che volete avere sempre a portata di mano. Io metto sempre uno zainetto vuoto in valigia, da riempire poi quando sono in viaggio con lo stretto indispensabile: fazzoletti, occhiali da sole, salviettine, maglietta di ricambio eccetera. al posto della borsetta. Quando viaggio, bandisco la borsetta, e uso un portadocumenti, che tengo sempre addosso, e metto uno zainetto vuoto in valigia. Appena arrivata a destinazione, che riempio con lo stretto indispensabile:

Il bagaglio da stiva, per me, è il trolley. In un viaggio on the road in auto, con i pernottamenti in hotel non è nemmeno così scomodo. Noi lo portiamo sempre dentro e fuori dalle stanze senza problemi.

Per il bagaglio a mano, invece, preferisco lo zaino. Uno bello capiente, con tante tasche così trovo subito tutto. Per Davide, si intende; perché il mio bagaglio a mano è sempre e rigorosamente lo zaino fotografico!

Documenti

Quando viaggio, evito di portare il mio portafoglio, pieno di tessere, ed in generale qualsiasi documento che non sia strettamente necessario nel paese in cui vado.

Per esempio, negli Stati Uniti è inutile portare la carta d’identità e la tessera sanitaria italiana. L’unico documento d’identità riconosciuto è il passaporto, e per necessità sanitarie serve invece avere un’assicurazione privata. Portare dietro la carta d’identità servirebbe solo ad aumentare il rischio di perderla, il che sarebbe una bella scocciatura.

Uso quindi un portadocumenti, da tenere sempre addosso, e un piccolo portafoglio dove metto i contati che uso giorno per giorno. Il resto dei soldi stanno in valigia, sotto chiave.

Abbigliamento : cosa e quanto mettere in valigia

La valigia per un viaggio on the road in USA deve essere leggera.

Portate abbigliamento per circa la metà di giorni del vostro viaggio. Molto hotel hanno la lavanderia a gettoni e, alla peggio, ne troverete una in tutte le città. Trovate il giusto bilanciamento tra sovraccaricarvi e dover fare il bucato ogni due giorni.

Niente abiti eleganti e scarpe col tacco, a meno che non abbiate in programma eventi specifici per cui è richiesto un abbigliamento particolare. Nella vita privata, gli americani si vestono in modo molto casual.

Indipendentemente dalla stagione, portate una sciarpa e un maglioncino. Gli americani adorano l’aria condizionata più di ogni altra cosa, e la sparano al massimo dappertutto.

K-way compatto

Un k-way non deve mai mancare. E’ molto più pratico di un ombrello, soprattutto se vi ritroverete a camminare nella natura. Quelli che si piagano a borsetta per me sono il top, occupano pochissimo spazio, pesano poco e li portate ovunque.

Io porto sempre solo un paio di scarpe, e uno di ciabatte. Come dicevo, gli americani non sono particolarmente formali, non ci è mai capitato di essere rifiutati in un locale a causa delle scarpe.

Farmaci e prodotti da bagno

Le farmacie in USA sono ben fornite, per esempio ci sono Walgreens e CVS, ma trovate alcuni farmaci da banco anche al supermercato. La maggior parte di questi (analgesici, antiemetici ecc) non necessitano ricetta. Tuttavia, preferisco avere a disposizione farmaci che già conosco, gli eccipienti potrebbero essere leggermente diversi.

Nella mia valigia per un viaggio on the road in USA non devono mancare i soliti noti: analgesici, antiemetici, anti-diarroici e lassativi, oltre a qualcosa di blando per raffreddore/influenza e cerotti. Noi donne dovremmo portare anche qualcosa per la cistite o per il ciclo. E’ vero, li possiamo sempre comprare, ma trovo fastidioso dover correre in farmacia durante le vacanze, quando posso portarmi queste cose comodamente da casa.

Per i prodotti da bagno, il discorso si inverte. Le maggiori catene di supermercati, per esempio Walmart, hanno reparti fornitissimi e a basso costo. In quasi tutti gli hotel troverete shampoo e bagnoschiuma, e per il resto, potete acquistare tutto in loco, in confezioni monouso, così da non dover riportare a casa niente.

Io mi trovo benissimo con questo beauty case a scomparti, che mi permette di avere tutto organizzato. Quando arrivo in hotel, non devo fare altro che aprire la cerniera e appenderlo.

Tecnologia

Noi siamo dei veri tech-addicted, e nella nostra valigia per un viaggio on the road, gli aggeggi tecnologici si sprecano.

A parte il cellulare e la macchina fotografica, io mi porto sempre il tablet, magari per guardare qualche serie tv la sera (se non crollo nel letto alle 9). La connessione wi-fi ormai è in tutti gli hotel.

Le tariffe di roaming con il cellulare, invece, hanno costi spropositati. Se avete in programma di essere in zone senza linea e senza wi-fi, valutate l’acquisto di un piccolo router ricaricabile.

Il navigatore a noleggio è molto caro, circa 10-15$ al giorno. Sarebbe meglio portare il navigatore da casa, ovviamente accertatevi che abbia le mappe USA! Con gli stessi soldi che spendereste per due settimane di noleggio, lo comprate e ve lo tenete per sempre.

Infine, non dimenticate l’adattatore. In USA le prese sono diverse dalle nostre. Anche questo lo potete acquistare là, ma se ve lo portate da casa vi evitate qualche noia.

Bagaglio da stiva vs bagaglio a mano

Ok, adesso che abbiamo visto cosa mettere nella valigia per un viaggio on the road in USA, come organizzare il tutto.

Se possiamo portare un bagaglio a testa, io preparo due valigie da stiva miste, con vestiti miei e di Davide in entrambe. Così, se ci perdono un bagaglio, abbiamo comunque qualcosa per entrambi.

Quando poi arrivo a destinazione, risistemo tutto in modo che ognuno abbia la propria valigia, molto più semplice da gestire, anche perché mio marito è molto disordinato, e a me viene il nervoso.

Capitolo farmaci: quelli di uso comune li metto nel bagaglio da stiva, perché non sempre si possono portare in cabina. Lascio invece nel bagaglio a mano quelli che devo prendere per motivi di salute, e non posso rischiare di perdere. Ah, e una/due pastiglie di analgesico, spesso i voli lunghi mi provocano mal di testa. Se dovete portare farmaci specifici nel bagaglio a mano, è consigliabile avere con voi anche la ricetta.

Il cavalletto fotografico lo lascio a malincuore nel bagaglio da stiva, perché alcune compagnie potrebbero non accettarlo come bagaglio a mano. In ogni caso, infilatelo nel bagaglio, non lasciatelo attaccato allo zaino. Se sporge, potrebbe non andare bene.

Nel bagaglio a mano metto tutta l’attrezzatura tecnologica, e un cambio a testa in caso si perdano entrambi i bagagli. E ovviamente, i soldi e il programma di viaggio!


Voi cosa mettete in valigia per il vostro viaggio on the road? Raccontatemelo!

Questo post è stato utile? Vota!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo!

Siamo contenti che il post sia stato utile!

seguici sulla pagina Facebook!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Flavia

    Questo articolo è molto utile (così come il tuo blog in generale) per chi vuole partire per gli States. Io al mio primo viaggio lì seguii un pò tutte le indicazioni ma non pensai alla presa universale. Infatti ne comprai una lì perché appunto sono superattrezzati.

    1. Valeria

      Ciao e grazie! si, per fortuna lì trovi tutto, quindi se ti dimentichi qualcosa non è un grosso problema 😉

Lascia un commento