Georgia Antebellum Trail

Al momento stai visualizzando Georgia Antebellum Trail
  • Categoria dell'articolo:Georgia
  • Ultima modifica dell'articolo:31 Gennaio 2024
  • Tempo di lettura:25 minuti di lettura
  • Commenti dell'articolo:0 commenti
Condividi:
3.7
(3)

A breve distanza da Atlanta e nella zona settentrionale dello stato, il Georgia Antebellum Trail è un percorso in auto lungo circa 150 km che tocca sette pittoresche cittadine: Athens, Watkinsville, Madision, Eatonton, Milledgeville, Old Clinton e Macon.

A differenza di altre città, che furono completamente distrutte nel corso della Guerra di Secessione, queste sette furono risparmiate. Per questo motivo, ospitano ancora oggi una gran quantità di ville ed edifici istituzionali risalenti al periodo pre-bellico, detto anche antebellum, che da altre parti non esistono più.

L’Antebellum Trail è un itinerario un po’ fuori dagli schemi, che vi lascerà a bocca aperta per le splendide architetture e vi farà vivere un po’ di America vera, aiutandovi a comprendere la storia di questo Paese.

Come arrivare

Il migliore itinerario nel quale inserire il Georgia Antebellum Trail è un viaggio negli Stati del Sud con arrivo e rientro su Atlanta. Il percorso si sviluppa lungo i 150 km che collegano Athens e Macon, a circa 120 km da Atlanta e comodamente raggiungibili in auto.

La capitale della Georgia è collegata con voli diretti da Milano e Roma con le compagnie del gruppo Delta, quindi Ita Airways, Air France e KLM. Il volo diretto è più comodo ma anche più costoso. Se preferite una soluzione con scalo, date un’occhiata alla mia guida su come scegliere il volo per gli Stati Uniti.



Quando andare

Anche se noi italiani possiamo viaggiare prevalentemente in questo periodo, l’estate è la stagione peggiore visitare gli Stati Uniti del Sud e il Georgia Antebellum Trail, perché l’umidità e il caldo sono atroci. Tenete presente che io ho viaggiato a settembre inoltrato, e ho comunque trovato temperature che sfioravano i 40°, intervallate da violenti acquazzoni.

I momenti migliori per questo itinerario sono la primavera e l’autunno, quando le temperature sono più gradevoli.

Anche l’inverno è un buon periodo per quanto riguarda le temperature. Tuttavia, in questa stagione le ore di luci sono poche, ed inoltre i musei seguono orari ridotti, o addirittura rimangono chiusi.

Quanto tempo dedicare

Per visitare le principali attrazioni del Georgia Antebellum Trail vi servirà una giornata intera, cui eventualmente potrete aggiungere la mezza giornata recuperata dagli spostamenti, da passare a Macon o Athens a seconda del vostro itinerario. Queste sono anche le due cittadine più grandi del percorso, e con la migliore offerta turistica.

Con partenza da Atlanta, vi suggerisco di percorrere tutto il trail arrivando a Macon in serata. La mattina seguente, fate le ultime visite e poi partite alla volta di Montgomery, la capitale dell’Alabama.

La marcia verso il mare

La storia del Georgia Antebellum Trail si inserisce nel contesto della Guerra di Secessione americana.

Dopo aver conquistato Atlanta, il 15 novembre 1864 il generale Sherman intraprese la Campagna di Savannah, passata alla storia come “marcia verso il mare”.

La campagna aveva lo scopo di indebolire l’esercito confederato tagliando i rifornimenti di viveri e materiale bellico verso la Virginia, dove il l’esercito di Grant stava combattendo contro le truppe del generale Lee. Per raggiungere questo obiettivo, Sherman utilizzò il metodo della terra bruciata, che consistette nel radere al suolo tutto quello che incontrò sul suo cammino.

L’armata unionista non si limitò quindi a conquistare le cittadine tra Atlanta e Savannah, ma ne bruciò i campi, uccise il bestiame e distrusse le abitazioni le vie di comunicazione, oltre a consumarne i viveri per il proprio sostentamento.

Gli unionisti entrarono a Savannah il 21 dicembre 1864, lasciando dietro di loro una terra distrutta e una popolazione sfibrata e umiliata.

Tuttavia, nella sua implacabile marcia, Sherman risparmiò alcune città. Le ragioni non sono chiare, se per clemenza, strategia o altro, ma la sua decisione ci permette di ammirare, ancora oggi, alcuni splendidi edifici che altrimenti sarebbero andati persi.

Georgia Antebellum Trail, cosa vedere

Athens

La graziosa Athens è conosciuta come sede dell’Università della Georgia, la più antica ed importante dello stato. In realtà, l’università nacque circa 20 anni prima della città, che si sviluppò attorno ad essa e prese conseguentemente il nome della città di Platone e Aristotele.

Oggi, la presenza degli studenti rende la città molto dinamica, con un centro percorribile a piedi e pieno di ristoranti e negozi alla moda. Qui si trovano la Statua di Atena, lo storico cinema Georgia Theatre e il double-barrel cannon, un prototipo di cannone della Guerra di Secessione.

Ecco le principali attrazioni di Athens:

  • Church-Waddel-Brumby House, del 1820, è la casa più antica di Athens. Oggi ospita l’ufficio del turismo ed alcune stanze arredate con mobilio e decorazioni d’epoca.
  • Lyndon-Ware House, una splendida villa in stile italianeggiante in mattoni rossi con un eccezionale porticato in ferro battuto.
  • TRR Cobb House, del 1842, è una casa-museo ottagonale in stile revival greco. Per info su orari di apertura e costi, cliccate qui.
  • Taylor Grady House, del 1840, è in stile neoclassico, con un imponente colonnato bianco. Oggi è una location per eventi e matrimoni.
  • Campus della University Of Georgia. Oltrepassato l’elegante arco in ferro battuto entrerete nell’enorme campus, dove studiano oltre 35.000 ragazzi. Potrete ammirare gli splendidi edifici in stile neoclassico dove si svolgono le elezioni, la cappella, la libreria con oltre 4 milioni di volumi, e il Sanford Stadium, dove gioca la squadra di football Bulldogs.

Cosa unica al mondo, ad Athens c’è anche l’albero che appartiene a sé stesso. Si tratta di una quercia, che il proprietario lasciò in eredità all’albero stesso.

Watkinsville

Lasciate Athens e dirigetevi a Watkinsville, il classico paesino americano dove tutte le principali attrazioni si sviluppano lungo la Main Street. Con appena 3000 abitanti, è nota anche come patria dell’arte, per via della massiccia presenza di artisti della  Oconee Cultural Arts Foundation.

Per prima cosa visitate il Welcome Center, al civico 21N. Saranno tutti felici di darvi informazioni e materiale cartaceo, e non è improbabile che si offrano di accompagnarvi in giro per la città.

  • L’Eagle Tavern Museum nacque come locanda nel 1801, quando Watkinsville era una città di frontiera al confine con i territori indiani, ed è uno degli edifici più antichi del Georgia Antebellum Trail. Oggi contiene un piccolo museo con ingresso gratuito, dove sembra che il tempo si sia fermato.
  • Ashford Manor B&B, che sembra appena uscito da un film, è una villa in stile vittoriano del 1893, quindi post-bellica. Era stata convertita in un delizioso b&b, che però purtroppo al momento è chiuso.
  • Elders Mill Covered Bridge, qualche chilometro a sud della città, è uno dei 13 ponti coperti ancora funzionanti in Georgia. Costruito nel 1897, fu smontato e ricostruito nell’attuale collocazione nel 1924. La sua caratteristica è di essere interamente in legno. Al posto dei chiodi, sono infatti dei pioli in legno a tenerne insieme le assi.

Madison

La prossima tappa del Georgia Antebellum Trail è Madison, una città di dimensioni medie con la più alta concentrazione di edifici del diciannovesimo secolo. La leggenda vuole che Sherman si sia rifiutato di raderla al suolo per via della sua bellezza.

Vi consiglio di recuperare una mappa all’ufficio del turismo, così potrete seguire senza sforzo l’itinerario consigliato per vedere tutti gli edifici dell’Historic District. Queste sono le ville più significative:

  • Heritage Hall, probabilmente la villa più famosa di tutta la regione. Fu costruita dal giovane medico Dr. Elijah Evans Jones attorno al 1830 in stile neogreco, con un maestoso colonnato che copre tutta la facciata. Il museo al suo interno offre uno scorcio sulla vita quotidiana pre-bellica di una famiglia agiata. Per info su costi e orari, cliccate qui.
  • Rogers House e Rose Cottage sono due case attigue, visitabili insieme (info su costi e orari qui). La più interessante è il Rose Cottage, che fu acquistato dopo la guerra civile da Adeline Rose, una stiratrice afroamericana nata schiava.

Eatonton

In questa cittadina di 6000 abitanti ci sono oltre 100 ville storiche, capolavori architettonici in stile neogreco, Regina Anna, Folk Victorian e neogotico. Come nelle altre città, anche qui potrete prendere una mappa per orientarvi nell’Historic District.

  • Uncle Remus Museum, dedicato allo scrittore di storie popolari Joel Chandler Harris, nato a Eatonton nel 1848.
  • Slade Hall è la più famosa tra le ville antebellum. In mattoni rossi e con un colonnato bianco, pare sia infestato dal fantasma di Sylvia, una giovane donna dai lunghi capelli neri che si aggira tra le stanze del secondo piano.
  • Georgia Writers Museum, che celebra gli scrittori locali  Alice Walker, Joel Chandler Harris, e Flannery O’Connor.

Milledgeville

Milledgeville, detta anche “la bella del sud”, fu la capitale della Georgia dal 1804 al 1868, quindi anche durante la Guerra di Secessione. Come Athens, oggi è una vivace cittadina universitaria, che conta ben tre atenei: la Central Georgia Technical School, la Georgia College and State University e il Georgia Military College.

Le dimore storiche sono sparse un po’ per tutto il centro ma, a differenza delle altre città, a Milledgeville ci sono più attrazioni “istituzionali”, per via del suo importante passato. Io vi consiglio il giro in trolley, che vi permetterà di vedere le cose più importanti senza perdere tempo. Chiedete informazioni all’ufficio del turismo, che si trova al 200 di W Hancock Street.

  • L’Old Capitol Building, il vecchio campidoglio del 1807, è un mirabile esempio di architettura neogotica.
  • Georgia’s Old Governor’s Mansion, in stile neogreco, era il centro del potere esecutivo. Durante la campagna di Savannah, Sherman e le sue truppe la occpuraono, ma decisero di non demolirla.
  • Stetson-Sanford House, del 1825, è una villa coloniale con un bel portico in stile palladiano.
  • Il Milledgeville Hotel, non più esistente, è comunque ricordato da una targa all’incrocio tra S Wayne Street e W Green Street. E’ famoso perché qui lavorava la signora Emily Norvell Hardy, madre di Oliver Hardy.
  • Lockerly Arboretum, un grande parco dove rilassarsi e passeggiare nella natura tra boschi di conifere, giardini di camelie e laghetti popolati da carpe koi.

Old Clinton

Old Clinton è una minuscola frazione della già piccola Gray, cittadina di appena 2000 abitanti. Un tempo contava circa 850 abitanti e diversi edifici, ma durante la Guerra di Secessione si ritrovò esattamente sul cammino di Sherman, e fu quasi completamente distrutta nella battaglia di Griswoldville. A maggio si svolge l’Old Clinton War Days, la rievocazione storica della battaglia con attori in costume d’epoca.

Dal 1974, la Old Clinton Historical Society si occupa di restaurare e preservare il più possibile le poche strutture rimaste in piedi. Sul sito ufficiate troverete due guide in pdf, che vi aiuteranno a trovare gli edifici più significativi, come la chiesa metodista, la McCarthy Pope House, il cimitero e la scuola femminile. Il quartiere storico si sviluppa attorno a Madison Street, Pulaski Street e Washington Street, nella città di Gray.

Qui potrete inoltre visitare una vera piantagione di cotone, la Jarrel Plantation.

Prima di proseguire verso l’ultima meta, gli appassionati di letteratura e film vorranno sicuramente fare una deviazione di circa 35 km ad ovest per raggiungere il Whistle Stop Cafè, a Juliette, il bar protagonista del film Pomodori Verdi Fritti alla Fermata del Treno.

Macon

Macon è l’ultima città del Georgia Antebellum Trail, e, con i suoi 200.000 abitanti, ne è anche la più grande. Insieme ad Athens, è il posto ideale dove fermarsi a dormire.

  • Hay House, la villa più bella in assoluto. Fu costruita nel 1859 in stile rinascimentale italiano, con una facciata in mattoni rossi e imposte e balconi in pietra bianca. Si sviluppa su ben 7 piani, ed è dotata delle più avanzate tecnologie dell’epoca, come acqua corrente, riscaldamento, e l’ascensore. Per info su orari di apertura e costi, cliccate qui.
  • Cannonball House, anch’essa visitabile, è una villa in stile neogreco del 1856. Fu l’unico edificio di Macon ad essere danneggiato da colpi di cannone durante il raid di Stoneman nel 1864.
  • Il Sidney Lanier Cottage, chiuso ma visitabile da fuori, è il luogo di nascita del famoso poeta e musicista.
  • Tubman Museum, intitolato al celebre abolizionista che liberò centinaia di schiavi, è un museo di arte e e cultura afro-americana.
  • Ocmulgee Mounds National Historical Park, poco fuori città, è un sito archeologico abitato dai nativi americani sin dalla preistoria, nel quale si trova un’antica necropoli.

Vuoi saperne di più?

Se hai ancora dubbi e curiosità, scrivimi o lascia un commento qui sotto, e sarò felice di risponderti il prima possibile!

Questo post è stato utile? Vota!

Average rating 3.7 / 5. Vote count: 3

Vota per primo!

Siamo contenti che il post sia stato utile!

seguici sulla pagina Facebook!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Lascia un commento